Come annaffiare le piante, senza sprecare acqua - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Annaffiare le piante, senza sprecare acqua: basta scegliere l’ora giusta e prevedere la pacciamatura

Il momento migliore è al mattino presto, o la sera dopo il tramonto. Se possibile, preferite sempre un sistema di irrigazione automatico, a goccia

COME ANNAFFIARE LE PIANTE SENZA SPRECARE ACQUA

Prima regola: cercate di riutilizzare tutta l’acqua che usate in casa. Quella per lavare frutta e verdura o per bollire la pasta. Ottima anche quella piovana recuperata attraverso bacinelle e contenitori. L’orto e il giardino possono essere una grande fonte di sprechi di acqua, a tutto danno delle vostre bollette e di un consumo che abbiamo il dovere etico di ridurre.

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato. Clicca qui!

COME ANNAFFIARE LE PIANTE

Per annaffiare bene le piante in primavera ed estate ci sono alcune regole essenziali da seguire, a partire dell’orario giusto, che si traducono anche in un minore livello di consumi di acqua:

1) Per cominciare, se in genere mangiate senza sale, riutilizzate l’acqua di cottura della pasta o delle verdure per annaffiare le piante sul balcone o in giardino: è sufficiente farla raffreddare in modo da adoperarla a temperatura ambiente.

2) Disponete, sotto le grondaie o in giardino, alcuni contenitori: in caso di pioggia, vi permetteranno di recuperare acqua utile per l’irrigazione.

3) Ricordate che il momento migliore per annaffiare le piante, soprattutto durante la bella stagione e in estate, è al mattino presto o la sera: se la terra è ancora calda, l’acqua evapora più facilmente.

4) Proteggete le piante con la pacciamatura: potrete così rallentare l’evaporazione dell’acqua mantenendo umido il terreno e favorendo il benessere delle piante. Vi basterà ricoprire il terreno con erba, foglie, paglia o ghiaia.

5) Preferite un sistema di irrigazione automatico a quello a goccia: impiega una minore quantità di acqua e, soprattutto, è in grado di distribuirla meglio.

6) Infine, al momento della semina, scegliete sempre piante e ortaggi adatti alle condizioni climatiche della zona in cui vivete e alle cure che riuscirete a dedicargli.

RIMEDI NATURALI PER LA CURA DELL’ORTO:

  1. Pesticidi naturali per l’orto: ecco quelli a base di lavanda e salvia, efficaci e low cost
  2. Fertilizzanti naturali: i rimedi fai da te per la cura del giardino e dell’orto
  3. Gusci delle uova: idee per non sprecarli. Diventano vasetti per le piante e fertilizzanti naturali
Share

<