Questo sito contribuisce all'audience di

Orto sinergico, niente fertilizzanti chimici e isolamento termico naturale

Per chi ha il pollice verde, l’orto sinergico è diventato un vero e proprio must. Completamente naturale, ricoperto di uno strato di pacciamatura, con irrigazione goccia a goccia. Ecco tutti i consigli per realizzare un orto sinergico fai da te.

Condivisioni

COME FARE UN ORTO SINERGICO –

L’orto sinergico fai-da-te è diventato una vera e propria moda in materia di orti urbani. Si tratta di un orto completamente naturale ideato dalla coltivatrice spagnola Emilia Hazelip che, negli anni ’80, ha recepito gli insegnamenti dell’agronomo giapponese Masanobu Fukuoka e li ha adattati al clima mediterraneo. Si è sviluppata così un’idea di un’agricoltura sinergica che utilizza solo la pacciamatura, a discapito di qualsiasi tipo di fertilizzante. In pratica, la terra sopra le radici o intorno alle colture è ricoperta di un materiale naturale, come ad esempio la paglia, che ha il compito di isolare termicamente il terreno, proteggendolo da piogge e calore, e di impedire lo sviluppo di piante infestanti, che potrebbero minacciare le colture.

LEGGI ANCHE: Come realizzare un orto urbano in 10 mosse

ORTO SINERGICO COME INIZIARE –

La prima azione da fare per un orto sinergico è preparare i bancali, cioè le aiuole di terreno rialzato, realizzate con il terreno del luogo, che non andrà più compattato. La funzione dei bancali è l’areazione del suolo. La loro dimensione e forma può variare ma si consiglia di progettarli con una larghezza di 120 cm e con alcune aree di passeggio ogni 4-8 metri di lunghezza. Il terreno si lavorerà esclusivamente a mano, utilizzando vanghe, badili e rastrelli. Se ci sono rovi o radici, bisogna rimuoverli prima di lavorarlo.  L’irrigazione consigliata è con il metodo goccia a goccia, che consente di risparmiare acqua e non sprecarla. Gli impianti vanno sistemati con i tubi fissati al suolo e posti sotto la pacciamatura. I bancali vanno poi sottoposti a pacciamatura, da realizzare con paglia o altri materiali biologici, come foglie, residui vegetali e erba. In ogni caso sempre con materiali biodegradabili. Sul terreno vanno posti anche alcuni tutori, che fungeranno da appoggio per le piante rampicanti.

REGOLE ORTO SINERGICO –

Per una perfetta sinergia dell’orto, la semina delle piante deve essere programmata per tutto l’anno, con le specie più adatte ad ogni stagione, affinché i bancali siano sempre ricoperti di piante. Devono esserci un minimo di tre tipi di piante alla volta, di cui almeno una specie appartenente alle leguminose, e una appartenente alle liliacee, come l’aglio o la cipolla, che devono essere posizionate lungo il perimetro dei bancali. In questa stessa zona, si possono disporre anche le piante aromatiche. Ortaggi come zucchine, melenzane, pomodori e piante leguminose devono essere piantate preferibilmente nella parte piana dei bancali, mentre sulle sponde si semineranno carote, insalate e bietole.

ORTI URBANI DA NON PERDERE IN ITALIA E NEL MONDO:

 

LEGGI ANCHE: