Questo sito contribuisce all'audience di

Sacchetti di plastica vietati: in Europa la legge va a passo di lumaca. Facciamo da soli, e torniamo alla borsa della nonna

La normativa impone una riduzione del 50% entro il 2017 e dell’80% entro il 2019: una svolta finta e rallentata dai veti dei Paesi dell'Unione. Da una parte gli interessi dell'industria del riciclo e dall'altra di quella del biodegradabile

di Posted on
Condivisioni

Se cercate una conferma di quanto la lotta per migliorare l’ambiente e ridurre gli sprechi, al netto della facile retorica e dei falsi buoni propositi, impatta direttamente con rapporti di forza politici e con interessi economici molto forti, leggete che cosa sta avvenendo nella palude di Bruxelles. Qui un Parlamento in scadenza, dopo mesi, anni, di discussioni e di veti incrociati (quanto tempo sprecato…) ha finalmente tirato fuori, in prima lettura, il testo di una legge europea per eliminare nei paesi dell’Unione i sacchetti di plastica più inquinanti. Tutto però con i tempi biblici dell’Unione europea prigioniera da un lato della sua impotenza politica e dall’altro dell’eurocrazia che spalanca le porte alle varie lobby.

LEGGI ANCHE: Bottiglie di plastica, tutto quello che dovete sapere

Morale: la legge impone una riduzione dei sacchetti di plastica del 50 per cento entro il 2017 e dell’80 per cento entro il 2019. Facciamo con calma, gradino per gradino a passo di lumaca, sembrano dire in coro (539 voti a favore, 51 contrari e 72 astenuti) i parlamenti europei nell’aula di Bruxelles che magari con questa finta e lenta svolta pensano di presentarsi agli elettori con la faccia green, dei politici che combattano inquinamento e sprechi. In realtà dopo il voto in Parlamento ci deve essere il via libera del Consiglio europeo, dove è molto probabile che si riapriranno i giochi, e dunque i veti, dei vari Paesi.

PER SAPERNE DI PIU’Acquisti alla spina, un mercato in crescita

In particolare, la partita vede in conflitto gli interessi dell’industria tedesca, molto attiva nell’ambito dei prodotti ricavati dal riciclo dei rifiuti, e di quella italiana, che invece ha un settore imprenditoriale estremamente vivace e avanzato nell’area del biodegradabile. Il Parlamento europeo ha fatto un compromesso, stabilendo che entro il 2019 i sacchetti di plastica, parliamo per esempio di quelli utilizzati per avvolgere la spesa alimentare, debbano essere sostituiti con sacchetti di carta riciclata o con sacchetti biodegradabili e compostabili. Un compromesso che, però potrebbe non reggere ai prossimi passaggi nelle sedi del potere europeo, sempre sensibili alle varie lobby, riportando la questione al punto di partenza. Cioè a zero, e al rischio di un ambiente che continua ad essere distrutto dai rifiuti di plastica che, tra l’altro, hanno un pesante costo a carico dei consumatori, un vero doppio spreco.

LEGGI ANCHE: Pensieri forti, “Bisognerà saldare tutti i debiti con la Terra”

Già, i consumatori. Forse una parola forte, e molto più concreta delle bizantine procedure della politica europea, possiamo dirla noi, i diretti interessati sia quando facciamo la spesa, e non vogliamo essere sommersi da confezioni di plastica che paghiamo, sia quando passeggiamo per strada e dobbiamo chiudere gli occhi di fronte allo scempio delle buste e delle bottiglie di plastica gettate a terra. Come? Semplicemente rifiutando, con una libera scelta, l’uso dei sacchetti di plastica, cancellandoli ogni volta che sia possibile: per la spesa, per esempio, si può tranquillamente tornare alla “busta della nonna” che non inquina, dura e non costa nulla. E quando scegliamo i sacchetti biodegradabili, facciamo attenzione a due cose. Primo: che siano made in Italy e non made in China. Secondo: che siano davvero biodegradabili, altrimenti al danno dell’ambiente si somma la beffa di una truffa.

LEGGI ANCHE: A Grugliasco, in provincia di Torino, la spesa si paga con il riciclo della plastica e dell’alluminio