Questo sito contribuisce all'audience di

Allergie alimentari in aumento nei bambini: latte, uova e noccioline i cibi più pericolosi

Le allergie alimentari sono raddoppiate nel corso degli ultimi dieci anni, soprattutto tra i bambini. Una campagna informativa nelle scuole, insegnerà ai bambini a riconoscere i sintomi di di uno choc, distinguere tra allergie e intolleranze alimentari.

Condivisioni

ALLERGIE ALIMENTARI NEI BAMBINI Sempre più spesso vediamo i nostri figli allergici o intolleranti a qualche alimento. Le allergie alimentari sono raddoppiate nel corso degli ultimi dieci anni, soprattutto tra i bambini. È quanto emerge dai dati rilevati dall’European Academy of Allergy and Clinical Immunology (EAACI) che ha lanciato una campagna di sensibilizzazione e informazione sulle allergie alimentari.

LEGGI ANCHE: Inquinamento domestico – come difendersi

In particolare, lo studio rileva che sono circa 17 milioni i pazienti europei allergici ai più svariati alimenti tra cui prevalgono frutta fresca, verdure e noccioline. Di questi 3,5 milioni hanno meno di 25 anni.A rischio soprattutto i più piccoli, allergici maggiormente a latte, uova e noccioline.

Circa un terzo delle reazioni allergiche gravi si verifica a scuola, dove spesso gli insegnanti non sono del tutto preparati a gestire l’emergenza.

ALLERGIE ALIMENTARI: LO STUDIO – Uno studio condotto dallo statunitense Consortium for Food Allergy Research ha messo infatti  in evidenza che il 72% dei bimbi allergici, i cui genitori e insegnanti sono al corrente della patologia, va comunque incontro a reazioni allergiche almeno una volta all’anno. Questo accade perché può succedere che si verifichino errori nella preparazione dei cibi come ad esempio contaminazioni involontarie del piatto con uno degli alimenti nocivi per il bambino.

Ed è proprio per salvaguardare la sicurezza del bambino allergico a scuola che EAACI si pone come obiettivo l’indicazione dei requisiti minimi di sicurezza che devono avere tutti gli istituti scolastici. Come spiega  Cezmi Akdis, presidente EAACI: “Nel prossimo biennio saranno anche stilate le linee guida complete su allergie alimentari e anafilassi per la diagnosi, il trattamento e la prevenzione nelle comunità”.

ALLERGIE ALIMENTARI – LA PREVENZIONE La campagna europea ha inoltre lo scopo di insegnare come riconoscere i sintomi di uno choc, distinguere tra allergie e intolleranze alimentari e spiegare quando e come usare la penna salvavita con l’adrenalina.

Fondamentale inoltre prevedere un’etichettatura adeguata ai diversi alimenti: quelle in cui troviamo scritto “può contenere” non sono regolamentate, vengono usate dai produttori di loro iniziativa e con criteri variabili. Solo con un’etichetta chiara e dettagliata, le persone che soffrono di allergie alimentari potranno capire quanto quel determinato cibo può essere potenzialmente pericoloso per la loro salute.

PER SAPERNE DI PIU’: Allergie ai pollini – ecco come fare

LEGGI ANCHE:

1 Comment
  • Luca AntiSignoraggio Bresciani
    01.04.2014

    fresca? Non mi dite che è colpa della frutta….
    Pensiamo a quello che usano per farla crescere e a quello che respiriamo!!!
    LB bar