Digerire bene senza pillole e con i rimedi naturali più efficaci
Questo sito contribuisce all'audience di

Come digerire bene senza prendere pillole

Mangiare lentamente e masticare bene ogni boccone. Meno condimenti, meno rischi che lo stomaco lavori male. E dopo pranzo o cena, fate una breve passeggiata

Avete la presente la pubblicità che inizia con la domandina per catturare l’attenzione dei consumatori: “Problemi di digestione?”. E poi giù la promozione di medicinali, generalmente da banco, che dovrebbero aiutare la digestione. Uno spreco non indifferente di soldi e di salute, in quanto c’è sempre il rischio che possa scattare il rischio di assuefazione e non mancano alcune, specifiche controindicazioni.

COME DIGERIRE BENE

Invece si può digerire bene, molto bene, in modo naturale e senza ricorrere ad alcun prodotto da acquistare in farmacia. Sapendo che la buona digestione inizia a tavola, per esempio non mangiando mai in fretta, e dopo il pranzo o la cena, con una breve passeggiata. Ben prima, quindi, che lo stomaco entri in funzione per svolgere il suo lavoro finale per consentirci di digerire. Ma vediamo da vicino le 10 semplici regole quotidiane per una buona, sana e corretta digestione.

LEGGI ANCHE: Mangiare lentamente, tutti i motivi per farlo. Dimagrite, digerite meglio e gustate il cibo

RIMEDI PER DIGERIRE BENE

Almeno un italiano su cinque fa fatica a digerire e nei paesi occidentali una fetta della popolazione tra il 20 e il 40 per cento lamenta problemi. E se siete fortunati ad essere dall’altra parte, anche voi quando mangiate troppo e pesante vi ritrovate a dover affrontare gli stessi ostacoli.

COME FAVORIRE LA DIGESTIONE

Con il passare degli anni e con l’età che avanza inoltre le cose tendono a peggiorare, per questa ragione è necessario correre ai ripari con delle semplici accortezze che vi permetteranno di non pentirvi di quello che avete appena mangiato.

  • Per prima cosa fare pasti non troppo abbondanti. Meglio mangiare più volte al giorno che poche volte ma eccedere. È molto importante anche non esagerare con i liquidi, specie se gassati.
  • Mangiare lentamente. Godetevi i vostri pasti e non fatevi prendere dalla frenesia. Avere fretta fa inghiottire aria e peggiora la digestione. Ovviamente masticare a lungo prima di deglutire.
  • Mangiare il più possibile pasti cotti in modo semplice. Limitare il più possibile le fritture e le cotture in umido che tendono a essere meno digeribili.
  • Usare poco condimento. I cibi unti e carichi di grassi rallentano lo svuotamento dello stomaco contribuendo alla sensazione di gonfiezza.
  • Fare attenzione a carni lavorate come insaccati e affumicati ma anche alle spezie, le salse e gli intingoli, privilegiando una dieta equilibrata, ottima anche per il fegato.
  • Non sprecare

CHE COSA AIUTA A DIGERIRE?

La digestione lenta è un disturbo, si chiama dispepsia, che porta pesantezza di stomaco, gonfia la pace e scatena una fastidiosa sensazione di sonnolenza. Qui sono decisive alcune precauzioni che hanno un effetto preventivo, a cominciare dal distanziamento corretto tra un pasto e l’altro. Poi ci sono alcuni suggerimenti che hanno a che fare con gli stili di cita e con l’alimentazione. Vediamoli.

  • Fare regolarmente attività fisica e fare attenzione alla linea. Un metabolismo sano, non sovrappeso, fa meno fatica non solo a digerire ma svolgere tutte le funzioni vitali.
  • La passeggiata dopo i pasti è considerata quasi decisiva per una buona digestione. Questa buona pratica rappresenta il massimo, se proprio non riuscite se non altro non mettetevi immediatamente seduti e ancor peggio sdraiati.
  • Moderare l’assunzione di caffeina. The, caffè e altre bevande simili sono tra i principali nemici della digestione.
  • Come per la caffeina, è altrettanto importante limitare l’assunzione di alcol, soprattutto se a stomaco vuoto.
  • Infine smettere di fumare. La nicotina, oltre a fare molto male all’organismo e ai polmoni in particolare, irrita il nostro apparato digerente.

DISPEPSIA SINTOMI

La cattiva digestione, e quindi la difficoltà a digerire, ha un nome scientifico: dispepsia.  I suoi sintomi più evidenti, che variano anche sulla base dell’intensità del disturbo, sono:
  1. Un dolore nella zona centro-superiore dell’addome
  2. Bruciore di stomaco
  3. Nausea
  4. Vomito
  5. Frequenti eruttazioni
  6. Sazietà precoce
  7. Sensazione di pienezza e di pesantezza
  8. Sonnolenza post prandiale

DIGESTIONE LENTA PREVENZIONE

Se la vostra digestione di solito è lenta, ai consigli che vi abbiamo dato aggiungete alcune cose:
  • Verificate, con l’aiuto del medico, se la cattiva digestione non sia abbinata a qualche patologia. Come per esempio un’allergia alimentare o una gastrite.
  • Non esagerate con le verdure fino a quando la situazione non si sarà normalizzata: purtroppo non aiutano a digerire.
  • Ricordate che la leggerezza dei cibi  è un elemento fondamentale per accelerare la digestione.
  • Evitate di mangiare fuori orario. E in particolare la sera tardi prima di andare a dormire.
  • Fate qualche lieve massaggio. Direttamente sullo stomaco, da destra verso sinistra.

CIBI E BEVANDE CHE AIUTANO A DIGERIRE PIÙ VELOCEMENTE

Ci sono cibi e bevande che aiutano sicuramente a rendere meno lenta la digestione.
  • Carciofi e finocchi. E anche alcune erbe aromatiche, come la menta. L’ideale è utilizzare questi cibi con il riso. E con un filo di olio extravergine.
  • Pasta al pomodoro. Semplice, genuina, e ottima per digerire con rapidità.
  • Pane integrale. È il tipo di pane più facile da digerire.
  • Verdure crude, e non cotte.
  • Cibi ricchi di fibre. Dai legumi all’avocado, Dai broccoli ai cavolfiori, alle verdure con foglia verde scura.
  • Tisane. Le più efficaci sono allo zenzero, ai semi di finocchio, alla cicoria, alla genziana, all’anice, al cumino, al coriandolo, al cardamomo e alla liquirizia.

COME DIGERIRE IN FRETTA

Per accelerare la digestione, prima di sprecare soldi con farmaci e similari, prendete l’abitudine di utilizzare qualche rimedio naturale dopo il vostro pranzo. Si parte dal più antico: un bicchiere di acqua e bicarbonato con mezzo limone spremuto. Già questo dovrebbe funzionare. Poi ci sono le tisane digestive: alla  menta, ai semi di finocchio, alle foglie di carciofo. Per rendere più gradevoli le tisane digestive, accompagnatele sempre una fettina di limone. Un’altra soluzione per digerire bene è il succo di pompelmo al termine del pasto. E infine il decotto a base di arancia e mela, facilissimo da preparare. Mettete 250 ml di acqua a sobbollire, con una buccia d’arancia tritata e un cucchiaio abbondante di mela tagliata a piccoli pezzi. Filtrate e bevete.

QUANTO TEMPO SERVE PER DIGERIRE?

In condizioni normali, lo svuotamento dello stomaco inizia venti minuti dopo il pasto e termina in circa due ore. Ovviamente il numero delle ore più salire, e anche in modo drastico, sulla base di ciò che mangiamo. Con fritti e alimenti molto grassi si può arrivare anche a quattro-cinque ore per portare a termine la digestione. In ogni caso, i tempi della digestione sono molto variabili da persona a persona.

RIMEDI NATURALI PER MANTENERSI IN SALUTE:

Share

<