Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Colonnine elettriche: su facebook il gruppo che segnala gli abusi

Si chiama #colonninelibere ed è un gruppo su facebook i cui membri postano ogni giorno le colonnine occupate dagli “abusivi”

Condivisioni

COLONNINE ELETTRICHE PROBLEMI –

Auto termiche (alimentate cioè da combustibili tradizionali), scooter, ma anche quadricicli elettrici o vetture a spina non in ricarica: sono questi i veicoli che occupano abusivamente le colonnine elettriche e che ne impediscono l’utilizzo.

LEGGI ANCHE: Auto elettriche, la mappa delle stazioni di ricarica

Un vero problema per quegli utenti virtuosi che hanno deciso di acquistare una vettura ibrida plug-in o che si muovono esclusivamente utilizzando la corrente. È quanto segnalano i membri del gruppo facebook #colonninelibere, che è nato proprio con l’intento di denunciare queste scorrettezze.

C’è da dire che i mezzi a spina sono ancora poco diffusi in tutto il Paese e che la maggior parte delle ricariche viene fatta nei box privati. Ma questo non è certo un buon motivo per violare la legge e rendere la vita difficile a chi si muove a zero emissioni.

LA STORIA: Il primo taxi elettrico Tesla d’Italia, l’intervista

GUARDA LA GALLERY

QUANTE COLONNINE ELETTRICHE CI SONO IN ITALIA –

Oggi in Italia sono quasi 700 le colonnine elettriche attive, dislocate in 77 provincie (fonte: colonnineelettriche.it). Queste servono poco meno di 2mila vetture 100% elettriche e qualche migliaio di ibride plug-in.

L’ALTRO CAR SHARING: Aygo Fun Sharing, al PoliMi il car sharing è gratis

Tuttavia, il problema non è (solo) di infrastruttura: ora come ora, chi ha una vettura a spina non vuole più colonnine, ma auspica una migliore gestione di quelle già presenti, che permetta a tutti un “rabbocco” anche quando si circola in città, quando si ha tempo.

COLONNINE ELETTRICHE ROMA –

Un obiettivo che spesso è ostacolato dalla mancanza di cultura e civiltà, dalla noncuranza di chi è in strada che si traduce spesso in comportamenti illegali che il più delle volte non vengono nemmeno sanzionati dalle forze dell’ordine a causa della mancanza di un regolamento che normi la sosta nei punti di ricarica.

GUARDA ANCHE: Letzgo il nuovo servizio di carpooling urbano gratuito

Addirittura, nella Capitale le strisce nei pressi di una colonnina sono bianche: elemento che confonde non poco chi deve parcheggiare.

COLONNINE ELETTRICHE MILANO –

La situazione non cambia nemmeno al Nord. Anche a Milano le colonnine sono prese d’assalto: le peggiori sono quelle nei pressi di piazza della Repubblica e nello stallo di via Thaon di Revel. Ora che è stato attivato il nuovo car sharing free floating elettrico – Share’ngo – bisognerà vedere se le cose miglioreranno.

PER APPROFONDIRE: Italiana la soluzione per aprire le colonnine elettriche con un’app