Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

La casa-albero a Pollinaria, il bosco di un borgo dove lavorano gli artisti

Il progetto in Abruzzo portato avanti da un giovane agricoltore biologico della zona. Una scommessa sull’agricoltura, sulla scienza, sulla sostenibilità e sull’arte. Vincente.

Condivisioni

CASA ALBERO IN ABRUZZO –

Un bosco per ispirarsi. E per mettere in relazione arte e scienza, agricoltura e sostenibilità, tradizione del territorio e futuro globale. Siamo a Pollinaria, un piccolo borgo abruzzese, dove il giovane imprenditore agricolo Gaetano Carboni sta facendo una scommessa importante, in assoluta controtendenza rispetto all’abbandono di questo territorio dove mancano lavoro e opportunità. Nella sua aziende rurale, al confine con il Parco Naturale del Gran Sasso e i Monti della Laga, Carboni produce olio extravergine biologico di altissima qualità, esportato in tutto il mondo, e ospita artisti che vengono qui per trovare ispirazione e realizzare opere ad hoc.

LEGGI ANCHE: Un villaggio di case sugli alberi in Piemonte, ecco come si vive sospesi in aria

POLLINARIA ABRUZZO –

Attraverso la collaborazione con il Dutch Culture TransArtist, l’ente promotore della mobilità degli artisti in Olanda, a Pollinaria sono venuti a lavorare talenti mondiali come Nikola Uzunovski, autore di una sorta di replica del sole intitolata My Sunshine, e Agnes Mayer-Brandis con il film d’arte Moon Goose Colony.

IL PROGETTO DI GAETANO CARBONI: CONSORTIUM INSTABILE –

L’ultimo progetto si chiama Consortium Instabile ed è una casa-albero realizzata con materiale di recupero, che diventerà poi un centro d’incontro, con relativa emittente radio, per gli agricoltori della zona. «Il concetto di instabilità ambientale, climatica, politica, sociale, economica, definisce bene la condizione dell’uomo nel XXI secolo» spiega Gaetano Carboni. E aggiunge: «Il dogma della certezza, dell’ordine e della solidità intoccabile, caro a un’epoca post-industriale in declino, vacilla di fronte all’evidenza. E le forme instabili diventano le più sicure, quelle su cui puntare per costruire un futuro davvero sostenibile per il nostro pianeta».

(L’immagine di copertina è tratta dalla pagina Facebook dedicata al progetto)

PER APPROFONDIRE: Bioedilizia, a Torino, 25 Verde, la casa-foresta circondata da alberi e laghetti