Questo sito contribuisce all'audience di

Pedalate didattiche verso un futuro sostenibile

Il progetto creativo di Oscar Santilli per l'educazione al consumo energetico: Watt Pedalati, per coniugare esercizio e coscienza ambientale

di Posted on
Condivisioni

WATT PEDALATI – E’ opinione diffusa nel mondo accademico che uno dei maggiori problemi nella formulazione di politiche efficaci in materia di sostenibilità è l’assenza di cultura ambientale, ovvero di sensibilità rispetto ai consumi di energia e risorse. Un problema che non coinvolge solo la classe politica, ma anche gran parte dei cittadini. Questa condizione sfavorevole viene però vista da alcune persone come un’opportunità. Una di queste è Oscar Santilli, che da anni si impegna a costruire una cultura energetica delle azioni quotidiane attraverso la sua creatura: Watt Pedalati.

PER SAPERNE DI PIU’: La startup che insegna alle imprese come non sprecare energia

TV A PEDALI – Oscar è un architetto-professore che nel 2007 ha messo in piedi insieme ai suoi studenti di un liceo scientifico romano il progetto TV a pedali, collegando una una dinamo a pedali con un televisore montato su una cyclette. L’elettricità accumulata veniva memorizzata in una carta di credito energetico in possesso di ogni studente per poi essere spesa in ore di televisione gratuita: una iniziativa anche a favore di una tv di qualità, in base all’idea che “nessuno suda per poi vedere spazzatura”. A scuola si produce conoscenza, secondo Oscar, e questo era il senso del progetto: accrescere nei giovani la consapevolezza materiale dei consumi quotidiani di energia.

PER APPROFONDIRE: Studenti contro lo spreco, una rete per dire basta ai bicchieri di plastica

UNA SCUOLA ALL’AVANGUARDIA – Il progetto di Oscar non si è però fermato lì, ed in breve tempo ha coinvolto l’intero istituto in cui lavorava, l’ex tecnico Vallauri ora Enzo Ferrari, che è divenuta in questo modo la prima ‘scuola a pedali’ di Roma, dotata di una sala con attrezzatura digitale dedicata alla produzione di energia con 18 postazioni comprendenti spin bike, dinamo a manovella e rulli d’allenamento. I wattora prodotti dalle pedalate dei donatori (ragazzi, bidelli e insegnanti) vengono premiati con ingressi al cinema, allo stadio, libri o musica in rete. Il progetto è finanziato dalla Provincia di  Roma, e lentamente Oscar è riuscito a diffonderlo anche in altre scuole: è nata così la “Scuola a Pedali Mobile”.

 LEGGI ANCHE: Il decalogo per rendere l’ateneo sostenibile

SOSTENIBILITA’ ITINERANTE –  La nuova espansione di Watt Pedalati attiva da quest’anno prevede infatti una scuola a pedali itinerante, con un set di 4 spin bike con generatori in viaggio da una scuola all’altra con brevi soste di 5 giorni. L’energia pedalata dagli studenti in queste giornate viene immessa nella rete dell’Istituto, ed i ragazzi possono leggere su un display i watt prodotti, coniugando così l’esperienza della fatica con la cognizione della produzione energetica in una “pedalata didattica”. L’esperienza viene inoltre affiancata da lezioni frontali sui temi dell’energia, dell’ambiente e degli human powered device.

 PER APPROFONDIRE: 10 consigli per non sprecare energia con il condizionatore

UN PROGETTO A 360° GRADI – Tra le altre diramazioni del progetto Watt Pedalati, Oscar può anche vantare una partecipazione alla Biennale di Architettura 2012 con l’allestimento “Fatti i Watt Tuoi!” e numerose performance artistiche, tutte incentrate su una produzione virtuosa e consapevole di energia. Un’iniziativa in grado di favorire un consumo energetico consapevole in ciascun individuo, nella speranza che ogni pedalata rappresenti un passo in avanti verso un futuro più efficiente, sostenibile e sensibile rispetto al problema della scarsità delle risorse.

Il progetto è in concorso per l’edizione 2014 del Premio Non Sprecare. Per conoscere il bando e partecipare vai qui!

Se il progetto ti è piaciuto condividilo su Facebook, Twitter e G+!

LEGGI ANCHE: