Questo sito contribuisce all'audience di

Terra Madre per la Sardegna: a Olbia il pranzo solidale di Slow Food per le persone colpite dal nubifragio

Il 15 dicembre a Olbia alle ore 13 nella struttura coperta di Piazza del Mercato.

Condivisioni

La rete di Terra Madre si mobilita per la Sardegna: dopo la raccolta fondi attivata in occasione delle celebrazioni del Terra Madre Day, la giornata in cui si festeggia in tutto il mondo il cibo locale, Slow Food Gallura, in collaborazione con l’associazione Cuochi Galluresi, per il prossimo 15 dicembre organizza a Olbia un grande pranzo solidale per tutti coloro che sono stati colpiti dal nubifragio che a novembre ha devastato la regione.

LEGGI ANCHE: Alluvione in Sardegna, servono fondi per la prevenzione, prendiamoli dai tagli agli sprechi

La giornata inizierà con la messa celebrata dal vescovo di Tempio, monsignor Sanguinetti, nella chiesa di San Paolo alle 12 e poi proseguirà alle 13 con il pranzo che si terrà nella struttura coperta di Piazza del Mercato.

L’obiettivo, come spiega Nino Scampuddu, fiduciario della Condotta Slow Food Gallura e anima dell’iniziativa è creare “un momento speciale, certo di solidarietà, ma soprattutto un momento dedicato a chi ha perso i propri cari e deve affrontare la fatica della ricostruzione e ai tantissimi che stanno lavorando insieme a noi per aiutarci a riconquistare la quotidianità. Abbiamo scelto di festeggiare il Terra Madre Day per stare vicino alla nostra comunità, una celebrazione per noi importante che offriamo come augurio per una nuova partenza. A cominciare dal cibo, che per noi è sinonimo di territorio. Ci piacerebbe che questo evento fosse vissuto come un primo passo verso la normalità”.

L’organizzazione del pranzo è stata resa possibile grazie al contributo di Brazzale, Garofalo, Mutti e Novamont e di tante altre realtà nazionali e locali che hanno offerto i prodotti necessari per la preparazione.

Appuntamento dunque a Olbia, nella struttura coperta di Piazza del Mercato il 15 dicembre dalle ore 13.

PER APPROFONDIRE: Spesa per i poveri, a Pisa è gratis con la Cittadella della solidarietà

LEGGI ANCHE: