Questo sito contribuisce all'audience di

Ecomat: un progetto per il riciclo del packaging

Il progetto dei ragazzi della start - up "Ecomat", attivi nel riciclo packaging per non sprecare nemmeno un imballaggio.

Condivisioni

RICICLO PACKAGING –  Non sprecare è importante e necessario, ovunque. Uno dei passaggi chiave dello spreco in tutto il mondo è il problema del packaging, gli imballaggi hanno infatti un ruolo importantissimo nei processi di produzione (e spreco) di merci che spesso viene trascurato o sottostimato.

LEGGI ANCHE – Così il contenitore per la pizza può diventare una pianta

Il PROGETTO ECOMAT ITALIA – Ecomat Italia S.r.l è una Start Up sviluppata da 4 universitari di Roma Tre, prima classificata al bando del comune di Roma “Nuove Idee d’impresa per il bene comune”. I ragazzi sono stati capaci di sviluppare un servizio di distribuzione automatica di cancelleria dentro le università, sostenibile sia sotto il profilo ambientale sia economico. Oltre l’aspetto commerciale, cercano di sensibilizzare gli studenti sulle tematiche del riuso e del riciclo incentivando raccolta differenziata, riuso del packaging e promuovendo prodotti ecosostenibili. Hanno perfezionato il servizio presso l’Ateneo di Roma Tre e sperano di potersi allargare in altre realtà.

PER APPROFONDIRE – Come ridurre i rifiuti e gli sprechi di energia

COME UNA START-UP PUO AIUTARE L’AMBIENTE – Ecomat è impegnata quotidianamente nel ridurre al minimo gli sprechi della loro start-up, in particolar modo per quanto riguarda il packaging dei prodotti, necessario per poterli erogare dai distributori automatici. Hanno perciò organizzato un servizio di raccolta del packaging usato, con lo scopo di tenere bassi i prezzi e ridurre gli sprechi. Gli studenti delle facoltà hanno reagito in maniera entusiasta e la Start Up ha raggiunto una quota di packaging riutilizzato, che grazie a campagne di sensibilizzazione ha raggiunto in un anno una quota del 40% di riutilizzo del packaging.

PER SAPERNE DI PIU – Raccolta differenziata: tutto quello che si deve sapere per farla bene

Questo progetto è stato inviato alla Redazione di Non Sprecare nell’ambito dell’edizione 2013 del Premio Non Sprecare. Il Premio è diviso in quattro sezioni: Personaggio, Associazioni e Istituzioni, Imprese, Scuole. Scopri come partecipare all’edizione 2014 cliccando qui.

 

LEGGI ANCHE: