Questo sito contribuisce all'audience di

Riciclo di denaro sporco: boom di nuove imprese in Campania

Condivisioni

Nuove imprese e riciclaggio di denaro sporco: le statistiche preoccupano in Campania, dove l’unica industria che sembra non conoscere crisi è quella della malavita organizzata.

LEGGI ANCHE: Le mani della criminalità sulle sigarette elettroniche, sequestri e mercato clandestino

Nei primi tre mesi del 2013, infatti, secondo i dati dell’Unioncamere in Campania il saldo tra aziende che hanno chiuso e nuove attività iscritte alla Camera di Commercio è positivo per 1.273 unità. Un numero che non si giustifica con l’attuale situazione di crisi economica nella regione, ed è assolutamente in controtendenza rispetto alla media nazionale. In pratica: in Italia le aziende chiudono, in Campania aprono.

Il sospetto è che dietro questo boom ci sia la longa manus della camorra, che così ricicla il denaro sporco dei suoi traffici, specie nel settore delle attività commerciali.

LEGGI ANCHE: