Questo sito contribuisce all'audience di

Come risparmiare sulla bolletta del gas con le valvole termostatiche: la normativa europea è obbligatoria

Il 31 dicembre 2016 è la scadenza ultima per istallare le valvole termostatiche per tutti i condomini con riscaldamento centralizzato. La spesa iniziale, però, vi permetterà un risparmio annuale tra il 10% e il 30%

Condivisioni

RISPARMIO CALORIFERI –

Una famiglia media, ogni anno, utilizza circa 2 mila metri cubi per riscaldare la propria casa durante l’inverno. Non tutta questa energia, però, è strettamente necessaria per rendere confortevoli gli ambienti dove viviamo. A causa di un utilizzo non efficiente una buona parte viene sprecata contribuendo ad inquinare l’ambiente e a gonfiare le bollette. Basti pensare che ridurre anche di un solo grado la temperatura in casa fa scendere i costi del 6%. Molto spesso è sufficiente sapere come consumare meno gas per non sprecare energia e risparmiare sulla bolletta del gas. In tal senso, ci viene “in aiuto” un normativa europea che impone entro il 31 dicembre 2016 l’istallazione di valvole termostatiche per tutti i condomini con riscaldamento centralizzato.

LEGGI ANCHE: Risparmiare sul riscaldamento di casa, poche e semplici regole

VALVOLE TERMOSTATICHE OBBLIGATORIE –

La nuova direttiva europea sull’efficienza energetica degli immobili con sistema di riscaldamento centralizzato può sembrare l’ennesimo attacco alle tasche degli italiani, in realtà è un modo per aiutarli a risparmiare. A fronte di una spesa iniziale che varia dai 25 ai 100 euro per termosifone, è previsto un risparmio annuale fra il 10% e il 30% del proprio abituale consumo di combustibile. Per minimizzare l’investimento è bene provvedere il prima possibile e non aspettare l’ultimo momento, approfittando delle detrazioni fiscali previste. Le valvole termostatiche sono molto utili perché servono a mantenere costante la temperatura della stanza, regolando l’afflusso d’acqua che circola nei radiatori a seconda del calore che si vuole mantenere in casa. In combinazione al ripartitore di consumi termici, ovvero il dispositivo che misura il calore emesso dal calorifero, queste valvole permettono di regolare e tenere sotto controllo la temperatura e il consumo di ogni singolo elemento.

RISPARMIARE SU RISCALDAMENTO CENTRALIZZATO –

Dopo il 31 dicembre, le sanzioni previste per chi non ha messo a norma il proprio impianto saranno molto salate e andranno dai 500 ai 2500 euro per ogni condominio che non si sarà adeguato. Secondo il regolamento, gli unici ad essere esentati sono i condomini per i quali l’adeguamento risultasse troppo complicato e costoso a causa di “impedimenti di natura tecnica”. Una volta istallati questi dispositivi, però, bisogna imparare ad utilizzarli. Ecco qualche consiglio per ottimizzare i consumi:

  • Mai abbassare radicalmente la temperatura del riscaldamento quando si esce di casa. È molto più economico mantenere il riscaldamento al minimo, riattivandolo al proprio ritorno, piuttosto che sprecare enormi quantità di energia per riportare la propria abitazione, ormai completamente gelida, a temperature normali.
  • Quando si regola la temperatura di una stanza, ogni grado in più equivale a un aumento del consumo di circa il 7%. Utilizzare le valvole basandosi sulle proprie esigenze, a seconda dell’uso che si fa di una stanza, in modo da ottenere un reale risparmio.
  • Arieggiare ma non troppo. Per cambiare l’aria bastano pochi minuti, lasciare aperto a lungo raffredda i muri e gli oggetti, facendo aumentare il consumo energetico necessario per riportare la la temperatura al livello desiderato.
  • Quando, durante l’estate, si spegne l’impianto è consigliato aprire le valvole termostatiche al valore massimo per prevenire l’accumulo di residui nei termosifoni.

PER APPROFONDIRE: Semplici consigli utili per risparmiare sulla bolletta per il riscaldamento