Questo sito contribuisce all'audience di

Pisa, il mercatino del riuso dalla piazza al litorale

L'appuntamento di piazza Dante sabato 13 luglio trasloca a Marina di Pisa. Una giornata divertente per scambiare gli oggetti che non ci servono più, barattandoli con altri che possono esserci utili

Condivisioni

Da piazza Dante al litorale: il mercatino del riuso di Pisa cambia scenario sabato 13 luglio ma non le regole, che rimangono quelle di sempre. Promosso dalla Confesercenti di Pisa in collaborazione con il Comune di Pisa e Geofor Spa, si sposta a Marina di Pisa, dove si svolgerà sabato 13 luglio dalle 18 a mezzanotte, nello spazio di piazza Gorgona.

LEGGI ANCHE: Artigianato del riciclo, gli appuntamenti da non perdere

La formula e gli obiettivi sono gli stessi: sottrarre il maggior numero possibile di oggetti al ciclo dei rifiuti, permettendo a ciascuno di riscoprirne il valore, in relazione alla funzione che assolvono. Salvare un oggetto dalla tradizionale filiera dei rifiuti significa offrire ad esso una nuova vita, promuovendo al tempo stesso uno scambio virtuoso.

DA NON PERDERE: Nuova vita agli oggetti con il riciclo creativo

Sono già più di 70 gli iscritti al mercatino del riuso di Pisa. Come si partecipa? Bisogna prenotare il proprio posto, in maniera gratuita e seguendo le regole che si trovano a questo link: www.mercatinodelriuso.com. Ogni partecipante espositore avrà a disposizione un’area assegnata, nella quale potrà posizionare gli oggetti da scambiare ed offrire. Non c’è limite al numero massimo di pezzi che si possono esporre e ognuno dovrà provvedere autonomamente all’allestimento del proprio spazio e alla ripulitura della propria aerea a fine giornata.

PER SAPERNE DI PIU’: Come allestire un mercatino di giochi e indumenti per bimbi

Come deve essere il materiale da esporre? Funzionante, pulito e in buono stato. Possono essere scambiati beni di varia natura, quali: libri, oggetti di arredamento, stoviglie, vasi, mobili, biciclette, giocattoli, piccoli elettrodomestici e casalinghi, abiti, biancheria per la casa, coperte, utensili per il fai da te, ed ogni altro oggetto che si ritiene degno di “nuova vita”.