Benefici della liquirizia - Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Liquirizia, tutte le proprietà e i benefici per la salute: attenzione però alle controindicazioni. La migliore al mondo si produce in Calabria (foto)

Avete mai sentito parlare della liquirizia salata? Nota anche come “Salmiakki”, ha un sapore molto particolare. Nel 2012 è stata eletta pianta medicinale dell’anno: non esagerate con il consumo se soffrite di pressione alta

Condivisioni

BENEFICI DELLA LIQUIRIZIA

La liquirizia, il cui nome scientifico è Glycyrrhiza glabra, è una pianta perenne della famiglia delle Leguminosae. È una sostanza aromatica conosciuta fin dall’antichità per i numerosi benefici a vantaggio della salute: se ne trovano menzioni persino negli erbari dell’antica medicina cinese, e in Asia è usata da più di 5000 anni per le sue proprietà digestive, depurative e antinfiammatorie.

STORIA DELLA LIQUIRIZIA

In Medio Oriente gli Sciiti camminavano per ore nel deserto senza soffrire la sete solo grazie alle proprietà dissetanti della radice di questa pianta, mentre in Europa la liquirizia è stata introdotta dai frati domenicani soltanto nel XV secolo, utilizzandola in infuso o sotto forma di tintura soprattutto per il benessere delle vie respiratorie e per depurare il fegato.

LEGGI ANCHE: Proprietà e utilizzi dei chiodi di garofano, cosa sapere sulla medicina naturale per eccellenza

PROPRIETÀ DELLA LIQUIRIZIA

La liquirizia è digestiva, diuretica, antinfiammatoria, espettorante e protettiva della mucosa gastrica. Indicata contro tosse, mal di gola, catarro, cervicale e acidità gastrica esercita anche una blanda funzione lassativa.

Chi soffre di pressione bassa può trarre giovamento dalla liquirizia poiché aumenta la pressione del sangue: l’ideale dunque soprattutto d’estate con il grande caldo. Per lo stesso motivo va consumata con parsimonia, e non è indicata per le persone che soffrono di ipertensione.

COS’È LA LIQUIRIZIA

Della pianta di liquirizia, in erboristeria, solitamente si utilizzano i rizomi, cioè le radici, che sono le parti maggiormente ricche in glicirrizina, e flavonoidi. La glicirrizina è un principio attivo con proprietà antinfiammatorie, gastroprotettive ed espettoranti, che rende la liquirizia un rimedio naturale utile in caso di tosse secca, asma ed ulcere.

Inoltre, la liquirizia è ottima per contrastare le gastriti nervose, gli spasmi addominali e i crampi grazie all’effetto antispastico esercitato dai flavonoidi. Non solo: La liquirizia ha inoltre proprietà antivirali ed antibatteriche, proteggendo l’apparato respiratorio da bronchite e raffreddore. Sembra anche che la radice di liquirizia possa essere un potenziale aiuto nel contrastare la sindrome acuta respiratoria grave.

Le proprietà antinfiammatorie e cicatrizzanti della liquirizia la rendono un ottimo rimedio naturale per le infiammazioni cutanee come eczema, psoriasi, herpes e dermatiti. Nella medicina omeopatica, infine, si utilizzano le radici di liquirizia per il trattamento della stipsi, la sindrome dell’intestino pigro e la conseguente alitosi.

PER APPROFONDIRE: Benefici della noce moscata, una spezia aromatica dal sapore deciso

LA LIQUIRIZIA FA DIMAGRIRE

La liquirizia ha anche un effetto saziante della fame, e può essere utilizzata come stratagemma per placare gli attacchi di fame. Ma ha sicuramente delle proprietà dimagranti ‘attive’: una recente ricerca giapponese, condotta somministrando dell’olio di liquirizia a uomini e donne in sovrappeso, testimonia come possa essere d’aiuto per perdere peso naturalmente, eliminare il grasso in eccesso e controllare i livelli di colesterolo. Tutto ciò grazie ai flavonoidi antiossidanti che fermano la produzione di grasso con conseguente riduzione del peso.

LIQUIRIZIA PURA

Per massimizzare gli effetti della liquirizia, il consiglio è di utilizzarla allo stato puro, ovvero senza l’aggiunta di zuccheri, additivi ed edulcoranti. Purtroppo, in commercio, solo il 10% della liquirizia è pura. Come riconoscerla? Guardare attentamente la lista degli ingredienti, deve esserci solo una voce: liquirizia. Facciamo attenzione alle caramelle: spesso di liquirizia hanno solo l’aroma.

LIQUIRIZIA NERA

Da sempre associata al colore ‘nero’, in realtà la liquirizia grezza è una vera e propria radice, come lo zenzero. Per ottenere il colore nero brillante, le radici vengono fatte essiccare, macinate, pressate e messe a contatto con acqua bollente per estrarne il succo, che viene concentrato tramite bollitura per ottenere una pasta nera, densa e profumata, da cui poi si ottengono piccoli confetti o bastoncini.

LIQUIRIZIA DI CALABRIA

Definita dall’Enciclopedia Britannica come “la miglior liquirizia al mondo”, per secoli è stato un bene di lusso, fiore all’occhiello delle esportazioni del Sud, indispensabile in farmacia e in medicina, che partiva dai porti della Calabria per arrivare via mare in tutta Europa. Quella coltivata nel nostro Paese è la varietà con il minor quantitativo di glicirrizina e un sapore molto più dolciastro e profumato.

MUSEO DELLA LIQUIRIZIA ROSSANO

Se vi trovate in Calabria, oltre a visitare le spettacolari bellezze naturali, dalle montagne al mare, non perdete la possibilità di fare un salto al Museo della liquirizia “Giorgio Amarelli” di Rossano, fortemente voluto dalla famiglia Amarelli che, dal 1731 produce la liquirizia italiana conosciuta e apprezzata in tutto il mondo. Realizzato all’interno della storica residenza Amarelli di impianto tardo quattrocentesco, il museo conta oltre 40mila visitatori all’anno e prevede anche un Archivio che raccoglie documenti della famiglia e dell’impresa Amarelli dal 1445 a oggi, dichiarato “di interesse storico particolarmente rilevante” con decreto del Ministero dei Beni Culturali del 20/12/2012.

PER SAPERNE DI PIÙ: Benefici della curcuma, un vero e proprio toccasana per la salute e il benessere

LIQUIRIZIA SALATA

E non è ancora tutto: avete mai sentito parlare della liquirizia salata finlandese? Conosciuta anche come “Salmiakki” e dal gusto decisamente particolare, è possibile acquistarla online o nei negozi di prodotti naturali. L’ingrediente che conferisce lo speciale sapore alla liquirizia salata è il cloruro di ammonio, una sostanza che, in natura, si trova nelle zone vulcaniche, molto utilizzata dai finlandesi soprattutto nell’industria dolciaria. Ricorda molto il sale da cucina ma ha anche un retrogusto leggermente piccante.

CONTROINDICAZIONI DELLA LIQUIRIZIA

Eletta nel 2012 pianta medicinale dell’anno, la liquirizia ha anche numerose controindicazioni. Come già detto in precedenza, la liquirizia ha un’azione ipertensiva poiché agisce sulla pressione arteriosa e sulla cosiddetta pompa sodio-potassio. Sarebbe opportuno che coloro che soffrono di ipertensione, consumino liquirizia moderatamente.

Se assunta in dosi molto elevate aumenta la concentrazione del sodio nel sangue e la conseguente riduzione di potassio, causando problemi di ritenzione idrica.

EFFETTI COLLATERALI DELLA LIQUIRIZIA

Per questi motivi un consumo eccessivo può provocare gonfiore al viso e alle caviglie e mal di testa. Devono evitare la liquirizia, quindi, anche le persone predisposte a edemi, chi soffre di problemi venosi o di ristagno dei liquidi. Consumo moderato, per le donne in gravidanza e in allattamento: non superare mai i 300 mg a settimana, poiché la glicirrizina potrebbe danneggiare la placenta e veicolare gli ormoni dello stress da madre a figlio.

GLI ALIMENTI CHE CI AIUTANO A MANTENERCI IN SALUTE:

  1. Topinambur: proprietà e benefici di un alimento amico del cuore e molto versatile in cucina (foto)
  2. Valeriana, un alimento ricco di proprietà benefiche per la salute. La ricetta per una gustosa vellutata
  3. Nespole, le proprietà e i benefici per la salute: aiutano a dimagrire e proteggono il colon
  4. Proprietà e benefici delle ciliegie: proteggono la vista e aiutano anche il fegato e la pelle
  5. Proprietà e benefici dell’ananas. Sazia in fretta, è anti-age, sgonfia il ventre. E rafforza i denti

LEGGI ANCHE: