Questo sito contribuisce all'audience di

Arriva l’inverno, e abbiamo il problema di come conservare il cibo. I prodotti che vanno in frigo, e quelli che devono restare fuori (foto)

Carne e pesce in un ripiano basso a una temperatura tra 0 e 4 gradi. Per poi mangiarli entro pochi giorni. Banane, patate e cioccolato invece fuori dal frigorifero. Anche le mele vanno in dispensa

Condivisioni

COME CONSERVARE CIBO IN INVERNO

Durante la rigida stagione invernale la natura non regala il meglio di sé. Esistono tante varietà di cibo, ma alcuni prodotti dell’orto si possono coltivare solo in primavera o in estate. Dunque, per poter mangiare frutta e verdura di stagione anche in inverno, bisogna ricorrere a dei metodi di conservazione. Ecco come conservare i cibi per poterli sfruttare anche in un periodo di scarsità.

Conservare il cibo in frigorifero è sicuramente un buon modo per mantenerlo fresco, ma non tutti gli alimenti sono adatti ad un ambiente freddo: alcuni perdono il loro sapore, altri diventano amari o addirittura ammuffiscono. Prima di elencare i cibi che non bisogna mettere in frigo, vediamo quali sono quelli che potete conservare e i consigli per farlo nel modo migliore.

LEGGI ANCHE: Cibi in frigorifero, a ciascuno il suo spazio. Gli avanzi? Sempre nelle mensole centrali

CIBI CHE VANNO IN FRIGORIFERO

  • Carne e pesce. Vanno conservati in un ripiano basso ad una temperatura tra 0° e 4°C e devono essere consumati entro 3 giorni. La carne e il pesce magro (come il merluzzo) possono essere congelate in freezer fino a sei mesi, mentre il pesce grasso (come il salmone) può restare in freezer per 3 mesi.
  • Frutta e verdura. Vanno conservate nell’apposito cassetto, dove la temperatura è di 6 ° C, meglio se in sacchetti di carta.
  • Latte e uova. Vanno conservati negli scomparti della porta tra i 6° e i 10° C. Le uova si mantengono, in genere, fino a un mese.
  • Salumi e formaggi. Vanno collocati nella zona medio-fredda in alto. I salumi vanno lasciati nella carta per alimenti. I formaggi freschi devono essere consumati entro 2 o 3 giorni.

CIBI CHE NON VANNO IN FRIGORIFERO

Ecco 10 alimenti che risentono delle basse temperature e che è meglio conservare in luoghi asciutti e bui per farli durare più a lungo.

  1. Basilico
  2. Patate
  3. Pomodori
  4. Zucche
  5. Banane
  6. Mele
  7. Arance
  8. Pane
  9. Caffè
  10. Cioccolata

PER APPROFONDIRE: OzHarvest, il supermercato antispreco. Chi può, dona soldi o cibo. E chi non può, acquista senza pagare (foto)

I CONSIGLI PER CONSERVARLI 

  • Contrariamente a ciò che molti pensano, il basilico non va conservato in frigorifero. In caso contrario perderà gran parte del suo aroma e il suo sapore risulterà contaminato dai profumi esterni (talvolta sgradevoli) del cibo che tenete nel frigo, che saranno più facilmente assorbiti. Si consiglia di coltivarlo in un vasetto oppure di conservarlo in mazzetti in un luogo asciutto e riparato.
  • Le patate vanno conservate in un luogo fresco, lontano dall’umidità. Se messe in frigo diventano dolci. Infatti il freddo trasforma l’amido in zucchero.
  • I pomodori non vanno conservati in frigo per non comprometterne il gusto, il colore e soprattutto la consistenza. La bassa temperatura infatti rende i pomodori più sodi e meno piacevoli da mangiare. Meglio tenerli in una cassetta, ancor più se all’aperto, in un luogo pulito e riparato.
  • Le zucche, soprattutto quelle con la buccia più spessa, è meglio metterle al riparo, in un ambiente asciutto e possibilmente ben ventilato, dove possono durare fino a due mesi. La cantina è perfetta per conservare il cibo.
  • Le banane vanno tenute all’aria aperta e fatte maturare appese a un gancio in cucina o dentro la cesta della frutta, altrimenti perdono il loro caratteristico sapore e marciscono prima. Inoltre, la bassa temperatura del frigo cambia lo sviluppo dei nutrienti, rendendole anche più dure e neutralizzandone il gusto.
  • Le mele possono essere conservate in un cesto, in dispensa, fino ad una settimana, senza bisogno del frigorifero. L’enzima benefico della mela si attiva più facilmente a temperatura ambiente, piuttosto che al freddo.
  • Le arance vanno mantenute a temperatura ambiente. In frigorifero, gli agrumi acquisiscono un sapore amaro.
  • Il pane, se fresco, va consumato in giornata, oppure, se volete conservarlo, bisogna congelarlo. Mettere il pane nel frigorifero lo ridurrà inizialmente ad una massa umida e compatta, e poi farà in modo che questo si secchi in un tempo più breve, quindi usate una semplice cesta.
  • Il caffè deve essere conservato al fresco e al buio. Nel frigo perde il suo inconfondibile aroma ed assorbe gli odori degli altri cibi conservati.
  • Tenere, infine, la cioccolata (o la nutella) in frigo è una pratica molto comune, ma è una scelta sbagliata, perché è di uno dei pochi elementi privi d’acqua. Il gusto del cioccolato sarà così drasticamente attenuato, quindi è meglio tenerlo a temperatura ambiente e magari riparato dalle fonti di calore, per evitare che si sciolga.

COME NON SPRECARE CIBO:

  1. Frigoriferi solidali, la rete spagnola in tutto il paese. Nei quartieri chi ha cibo avanzato lo deposita, e chi ne ha bisogno lo ritira (foto)
  2. Ristorante antispreco, a tavola arriva solo cibo in scadenza. Prezzi accessibili, menù ottimo: a Malmo un locale (video)
  3. A Leeds un supermercato vende il cibo invenduto bollato come rifiuto, salvando 6 tonnellate di alimenti ancora buoni
  4. La cuoca brasiliana anti-sprechi: Regina Tchelly, chiamata in Vaticano a insegnare come in cucina non si butta niente (foto)
  5. Sprechi di cibo, come si riutilizzano gli avanzi e come si fa la spesa. I consigli delle società di catering