Beni culturali sprecati in Italia: tutte le occasioni buttate | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Beni culturali sprecati in Italia: tutte le occasioni buttate

Sono tantissimi tesori di cui l'Italia è legittima proprietaria, ma che sembra far di tutto per non valorizzare. Un elenco dei più eclatanti.

Condivisioni

Uno dei più grandi tesori del nostro paese, oltre il clima e la buona cucina, sono le opere d’arte. Quadri, statue, palazzi, tantissimi tesori di cui l’Italia è legittima proprietaria ma che sembra far di tutto per sprecare. Prendiamo il caso dei bronzi di Riace: c’è voluta la voce grossa di Massimo Bray in veste di Ministero dei Beni Culturali e del Turismo, per farli rientrare all’ovile dalla sede del Consiglio regionale (dove giacevano dimenticati come due statuette qualunque).

L’ovile è il Museo archeologico di Reggio Calabria, che non può certo essere definito la casa ideale per questi due tesori: molti custodi (che fanno incassare una media di 26 euro ANNUI alla struttura) senza eccessivo zelo per il lavoro e tanti sprechi. Caratteristiche che rivediamo molto simili in tante zone d’Italia: qui l’impietoso e preoccupante elenco.

LEGGI ANCHE: Musei e cultura, così gli inglesi fanno i soldi con i nostri tesori

TUTTE LE OCCASIONI SPRECATE (NEI BENI CULTURALI) D’ITALIA.

  • POMPEI: IL GRANDE CAOS. Chi vuole visitare l’Antiquarium – il museo degli scavi – o qualche casa non ha speranza: bisogna aspettare la nomina di un direttore generale. E intanto crolla tutto, in una babele di ricorsi al Tar e al Consiglio di Stato, di gare d’appalto mai chiuse, di reperti trafugati e furti. Una delle più grandi occasioni sprecate del sud – e dell’Italia intera.
  • LA REGGIA DI CARDITELLO: ALL’ASTA FANTASMA. Nel cuore della Caserta borbonica c’è una reggia che cade a pezzi e che è stata messa all’asta varie volte: nessun si è presentato. E’la reggia di Carditello, che non ha né visitatori né restauri fatti a regola d’arte e aspettando Godot continua a marcire.

LEGGI ANCHE Scempio a Pompei: milioni per le archeoambulanze e per lavori inutili

  • DOMUS AUREA: LAVORI IN CORSO. Dopo il sussulto di vitalità dell’impegno di Veltroni, la casa di Nerone è di nuovo chiusa. Lavori in corso.
  • GLI UFFIZI DI FIRENZE:TUTTI IN CANTINA. Uno dei musei più noti del pianeta (1,75 milioni di visitatori l’anno) ha gli scantinati pieni di opere che al momento sono sepolte e non visitabili, in attesa di cantieri che vanno e vengono.
  • L’ACCADEMIA DI BRERA A MILANO: UN SOGNO INCOMPIUTO. La città nel 2015 ospiterà l’Expo, e uno dei suoi tesori più preziosi, in un via vai di sindaci e assessori alla cultura, rimane appeso e in attesa di essere completato.

APPROFONDISCI Reggia di Caserta in totale abbandondo