Questo sito contribuisce alla audience di

Come ridurre il consumo di sale e sostituirlo con le spezie

Cercate di ridurre il consumo di salumi e insaccati, prima di acquistare gli alimenti al supermercato leggete bene l’etichetta in cui viene riportato il contenuto di sodio e non esagerate con sottaceti, sughi e zuppe in scatola.

Come ridurre il consumo di sale e sostituirlo con le spezie
Come ridurre il consumo di sale
di

COME RIDURRE IL CONSUMO DI SALE -

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, ciascuno di noi non dovrebbe consumare più di 5 grammi al giorno di sale: in realtà ogni persona ne introduce nella propria dieta giornaliera almeno il doppio. Eppure, ridurre il consumo di sale è importante: un uso eccessivo può causare ipertensione, malattie cardiovascolari e insufficienza renale.

Senza dimenticare che il sale non è solo quello che versiamo ogni giorno sui nostri piatti ma è anche quello ben nascosto all’interno degli alimenti acquistati.

LEGGI ANCHE: Perché il sale fa male alla salute

COME DIMINUIRE IL SALE -

Mangiare senza sale è il metodo migliore per combattere la cellulite, i gonfiori improvvisi e l’osteoporosi. Alcuni studi hanno addirittura dimostrato che una dieta povera di sodio consente di prevenire alcune forme tumorali.

COME INSAPORIRE I CIBI SENZA USARE IL SALE -

Ovviamente non serve eliminare drasticamente il sale dalla nostra dieta quotidiana: si può scegliere di usarlo con parsimonia oppure sostituirlo con le spezie che non solo sono in grado di dare aroma e sapore ai piatti ma sono anche ricche di proprietà benefiche.

Peperoncino, paprika, curry, cumino: sono l’ideale per sostituire il sale da utilizzare per insaporire i vostri piatti a base di carne e pesce senza rinunciare al gusto. Perfette anche le erbe aromatiche come alloro, rosmarino, aglio e basilico.

Per un’insalata gustosa e senza sale provate ad aggiungere un pò di limone. Potete anche provare a combinare insieme erbe e spezie per dare alle vostre pietanze un sapore unico. Se poi proprio non volete rinunciare al sale cercate almeno di limitarvi a un mezzo cucchiaino, una quantità sufficiente anche per salare l’acqua della pasta.

COME RIDURRE IL SODIO NELLA DIETA -

Cercate di evitare il consumo eccessivo di salumi e insaccati: 50 grammi di prosciutto crudo contengono circa 6 grammi di sale e il consumo di hamburger e patatine fritte che contengono grandi quantità di sale soprattutto se ripieni di salse come ketchup e maionese.

Prima di acquistare gli alimenti al supermercato leggete bene l’etichetta in cui viene riportato il contenuto di sodio e non esagerate con sottaceti, condimenti per insalate, sughi e salse pronte e zuppe in scatola: sono tra i cibi con più sale.

Mangiare senza sale non è l’unica cosa a cui fare attenzione, anche la scelta del sale è fondamentale.

TIPOLOGIE DI SALE DA CUCINA -

Oltre al sale comune che si è soliti utilizzare, in commercio trovate anche il sale iposodico, perfetto per chi soffre di pressione alta e ritenzione idrica, il sale integrale per chi predilige un’alimentazione biologica e naturale e il sale iodato, consigliato se si soffre di problemi alla tiroide.

Seguendo questi semplici consigli, a poco a poco vi renderete conto che mangiare senza sale non è così difficile. Potrete solo guadagnarci, soprattutto in salute.

PER APPROFONDIRE: Sale nascosto negli alimenti, ecco i cibi che ne contengono di più

LEGGI ANCHE:

Ultime Notizie: