Sign up with your email address to be the first to know about new products, VIP offers, blog features & more.
[mc4wp_form id="5505"]
Questo sito contribuisce all'audience di

Alimentazione sostenibile: laboratori di cucina e di autoproduzione a Fa’ la cosa giusta 2015

Dal 13 al 15 marzo a Milano, durante la dodicesima della fiera del consumo critico e degli stili di vita sostenibili, si potrà imparare a preparare piatti prelibati usando pesce sostenibile, a sperimentare la cucina crudista, a produrre in casa alimenti che di solito acquistiamo

da Posted on
Condivisioni

ALIMENTAZIONE SOSTENIBILE –

Il pubblico di Fa’ la cosa giusta! anche quest’anno ritroverà prodotti ed iniziative legati ai temi che da sempre caratterizzano la fiera: alimentazione biologica, a km zero o cruelty free, moda etica, mobilità a basso impatto, abitare green, giochi e proposte sostenibili per l’infanzia, prodotti del commercio equo e i progetti delle associazioni e cooperative non profit. A questi saranno affiancati nuovi approfondimenti trasversali, dedicati, ad esempio, alla sharing economy, all’autoproduzione, al welfare territoriale e alla pace.

PER SAPERNE DI PIU’: Tutte le novità di Fa’ la cosa giusta 2015, dal 13 al 15 marzo a Milano

LABORATORI DI CUCINA –

I laboratori di cucina di Fa’ la cosa giusta! portano sempre a nuove scoperte. Avete mai provato, ad esempio, a cucinare al buio? Sotto l’attenta guida di una cuoca turca, sarà possibile imparare a preparare degli ottimi piatti senza l’uso della vista. Un laboratorio sorprendente e adatto a tutti, indipendentemente dalla capacità visiva. Stanchi di cucinare il solito costosissimo pesce che, per giunta, rischia anche di impoverire il mare? Lo chef Giorgio Cabella, autore de “Il pesce giusto”, insegnerà come scegliere specie di pesce poco note, la cui pesca è sostenibile per l’ecosistema marino e come trasformarle in piatti cucinati a regola d’arte.

LEGGI ANCHE: Come fare lo yogurt in casa, ricetta vegan con latte di avena

SHOWCOOKING E CUCINA CRUDISTA –

Showcooking e laboratori porteranno i visitatori a conoscere sperimentare la cucina crudista, che bandisce ogni tipo di cottura, per piatti che mantengono tutte le caratteristiche organolettiche degli alimenti. Sarà ad esempio possibile imparare a cucinare piatti sostenibili e adatti anche a chi soffre di intolleranze alimentari; ad esempio preparare un gustoso primo piatto oppure un dolce senza glutine, adatti quindi anche ai celiaci, all’interno dei laboratori organizzati da Cibo Crudo. Anche gli intolleranti al latte troveranno workshop dedicati a loro – organizzati da La via macrobiotica e La casara veg – per coniugare la sostenibilità assicurata da una cucina senza derivati animali e il gusto dei dolci privi di latte e “formaggi” completamente vegetali e quindi adatti anche a chi sceglie una dieta vegan.