Questo sito contribuisce all'audience di

Zero Waste, un passo concreto verso la green-economy

di Posted on
Condivisioni

Questa tesi parte dalla considerazione che negli ecosistemi non antropizzati esiste un equilibrio ecologico naturale in cui la materia e l’energia del sistema sono prodotte, trasformate e consumate senza produzione di sostanze che non possano essere riutilizzate dall’ecosistema stesso, cioè non si producono rifiuti.

Ciò non si verifica negli ecosistemi urbani. Infatti le città sono invase da un’ampia gamma di prodotti che vengono trasformati, consumati ed infine restituiti sotto forma di rifiuti.

I rifiuti rappresentano una delle principali pressioni create dall’uomo sull’ambiente  e sono uno degli elementi che maggiormente influenzano la qualità della vita nelle nostre città. Questa tesi rivede la problematica della gestione efficiente dei rifiuti e ripercorre le tappe fondamentali della gestione rifiuti a livello Europeo e Italiano per proporne un’analisi di due sistemi alternativi di gestione dei rifiuti solidi urbani impiegando la metodologia proposta da Kaulard e Massarutto (1997).

In particolare la tesi mette a confronto  due realtà aziendali del territorio toscano, rispettivamente “Siena Ambiente S.p.a.” che gestisce i rifiuti nella provincia di Siena e “Ascit S.p.a.” che gestisce i rifiuti nella provincia di Lucca. La prima società adotta  un modello efficiente secondo l’impostazione politica di gestione europea, ovvero un Sistema Integrato di Gestione dei Rifiuti (SIGR), la seconda società sembra invece ispirarsi alla strategia californiana ZERO WASTE che per l’anno 2020 punta ad eliminare l’incenerimento e cancellare il ricorso alle discariche come soluzione definitiva.