Visite mediche gratis a Milano nel quartiere di Brera - Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Visite mediche gratis: a Milano ci provano nel quartiere Brera

Una prova concreta di solidarietà nel cuore di Milano: un gruppo di medici specialisti offre visite mediche ai cittadini senza alcuna ricompensa

di Posted on
Condivisioni

Medici di quartiere, gratis. Senza fare file, chiedere impegnative, infilarsi nel tunnel delle liste d’attesa degli ospedali pubblici, e senza pagare profumati onorari in qualche clinica privata per le visite mediche. Una prova concreta e molto utile di solidarietà si sta sperimentando a Milano, nel centralissimo quartiere di Brera, dove un gruppo di medici specialisti residenti della zona si è messo a disposizione dei cittadini per offrire visite mediche e consulti senza alcuna ricompensa.

LEGGI ANCHE: LA SALUTE COMINCIA A TAVOLA

Ciascuno di loro ha messo a disposizione della collettività una giornata al mese, ed è possibile prenotare la propria visita rivolgendosi alla farmacia Antica Brera in via dei Fiori Oscuri. “All’inizio siamo stati guardati con stupore, quasi nessuno voleva credere che un gruppo di medici mettese a disposizione il proprio tempo e il proprio lavoro per gli altri. Poi hanno capito che facevamo sul serio, e adesso siamo sommersi dalle richieste per le visite mediche. Occuparsi degli altri è possibile, anche con i gesti più semplici…” racconta Alessandra Piona, allergologa, residente a Brera e una delle promotrici dell’iniziativa “Medico di quartiere gratis“. L’iniziativa di Brera si aggiunge al programma del comune di Milano, in collaborazione con i Lions, che andrà avanti fino a 7 giugno, per ottenere esami medici gratuiti attraverso la rete delle farmacie comunali. L’elenco delle farmacie inserite nel porgramma si può consultare sul sito www.farmaciapertutti.it.

LEGGI ANCHE: RIMEDI NATURALI PER IL MAL DI TESTA

I test di Milano rappresentano segnali concreti del welfare dal basso, quello che nasce sul territorio e si dedica alle comunità della zona. Un welfare alimentato dall’azione dei cittadini, da un piccolo sforzo di solidarietà, che si integra alla mano pubblica i cui fondi disponibili sono sempre più scarsi. Speriamo che l’esempio di Brera venga imitato da altri quartieri e da altre città.