Questo sito contribuisce all'audience di

Un treno inservibile. Da 30 milioni di euro

di Posted on
Condivisioni

In Sicilia le linee ferroviarie sono quelle dei borboni, in Valle d’Aosta invece se ne fanno di nuove per i turisti, ma non entrano in funzione, semplicemente perchè non servono a nulla. In comune, in questi progetti del nulla, Sicilia a Valle d’Aosta hanno solo una cosa: il rubinetto di spesa.

LEGGI ANCHE: A statuto speciale si spreca meglio

Trattandosi di due regioni a statuto speciale, possono fare quello che vogliono e non hanno bisogno di alcuna copertura finanziaria né di autorizzazioni dal governo e dal parlamento. Sono soldi loro, e li sprecano come pare a loro. Per alcuni anni gli amministratori valdostani hanno fatto credere che da una linea ferroviaria nuova di zecca poteva nascere nuovo, importante traffico turistico. E così sulla vecchia ferrovia dei minatori, in servizio da Pila a Cogne, hanno pensato bene di piazzare tre locomotori e dieci carrozze per dare il via al trenino dei minatori. Una sorta di mini-luna park. Il tutto per la modica spesa di 30 milioni di euro già versati.

LEGGI ANCHE: In Valle D’Aosta record di sprechi

L’attrazione non ha funzionato, il trenino non piace e non interessa ai turisti, e nessuno ha voluto comprare locomotori e carrozze: finiranno in vendita come residui industriali. E il resto dei soldi spesi sarà uno spreco secco. Non contenti di tanta insensatezza, gli amministratori adessano pensano a un bis: una nuova linea ferroviaria verso Cogne finanziata da Finaosta, la finanziaria regionale. Speriamo che qualcuno li fermi.  

LEGGI ANCHE: Perché non aboliamo le regioni a statuto speciale?