Questo sito contribuisce all'audience di

Svegliati! Corruzione e sprechi sono anche affari tuoi

Guarda il video che Transparency International Italia ha lanciato in occasione della Giornata mondiale Onu contro la corruzione, nell'ambito della campagna di sensibilizzazione SVEGLIATI!

Condivisioni

Pensi davvero che la corruzione e gli sprechi non ti riguardino? È la domanda che ci pone il bel video che Transparency International Italia ha lanciato in occasione della Giornata mondiale delle Nazioni Unite contro la corruzione, nell’ambito della campagna di sensibilizzazione SVEGLIATI!.

L’EDITORIALE Basta sprechi. Cottarelli, adesso servono i fatti

Gente comune viene sorpresa per strada da una secchiata d’acqua sono il simbolo ironico di un risveglio dal torpore sociale. L’obiettivo è di incentivare una reazione grintosa e decisa, perché il cambiamento deve partire innanzitutto da noi e dalle piccole azioni quotidiane.

LEGGI ANCHE Cassintegrati finti: fuori legge uno su quattro

GUARDA IL VIDEO

IL CONCORSO FOTOGRAFICO. L’associazione ha anche organizzato il concorso fotografico “Metti a fuoco la corruzione”. Si è classificata al primo posto Caterina Farina, con la foto “I fantasmi del degrado” (l’immagine di copertina). Il secondo posto è andato a Gloria Bertolone e la foto “The seagull worked for me” (qui sotto), metafora di quanto la corruzione “consuma” e di come in ogni dinamica corruttiva la responsabilità non è mai di nessuno.

Sul terzo gradino del podio si è posizionata la foto dal titolo “Uno sporco accordo” (qui sotto) realizzata dalla classe 3°G del liceo Scientifico Cremona di Milano, simbolo del pericoloso contagio che avviene a causa della corruzione.

Infine, ha ricevuto il premio collettivo “Scuola più sveglia d’Italia” l’Istituto L. da Vinci di Lamezia Terme. La classe 3°F infatti ha sbaragliato la concorrenza delle altre scuole mandando non solo il maggior numero di foto ma anche quelle più divertenti e originali tra le tante che sono state inviate. Un segnale importante e incoraggiante quello dell’alta partecipazione di scuole da tutta Italia perché, come sottolinea la presidente di Transparency International Italia Maria Teresa Brassiolo: «Bisogna partire innanzitutto dalla scuole. È proprio attraverso l’educazione dei nostri ragazzi ad una cultura della legalità che si può sperare in un futuro migliore in cui il merito e le capacità prevalgono su privilegi ed ingiustizie».