Questo sito contribuisce all'audience di

Io sono Diogene, il documentario sull’Aceto Balsamico

Un video per raccontare un'eccellenza made in Italy prodotta nel rispetto della natura a cui puoi contribuire anche tu con il "crowdfunding"

Condivisioni

Un documentario sul territorio della Bassa modenese e sul suo ambasciatore: l’Aceto Balsamico. “Io sono Diogene” è questo e molto di più: il progetto è un documento video sulle eccellenze del territorio, sulla produzione nel pieno rispetto della natura e sugli antichi saperi tramandati di generazione in generazione. «Io sono Diogene, e questa è la mia terra è un racconto di passione e tenacia, di persone straordinariamente innamorate di ciò che fanno, dei frutti del territorio e della tradizione e di sempre nuove sfide» spiegano i suoi ideatori.

LA STORIA Stefano Montello: vi presento la Fattoria sociale Volpares

GUARDA IL TRAILER di Silvia Morara

Il progetto consiste nella realizzazione di un documentario capace di raccontare ad un pubblico vasto ed eterogeneo il territorio modenese e nello specifico le aree di produzione di Bomporto attraverso l’esperienza unica della Lanterna di Diogene nella sua interrelazione con il territorio circostante, le persone e i produttori dell’eccellenza agroalimentare. La Lanterna di Diogene è una realtà unica in Italia, dove ragazzi con disabilità, e non, lavorano assieme dall’orto alla cucina, dai pochi animali allevati con cura alla sala da pranzo: un presidio della biodiversità. Frutto di questa terra è anche Romolo Gorgò, mastro acetaio con una cantina con botti centenarie, Gorgò non commercia prodotti, ma tramanda la tradizione ed un sapere unico.

LEGGI ANCHE Vuoi un bosco? In Liguria puoi affittarlo gratis

l documentario è particolare perché sarà realizzato attraverso il crowdfunding. Il 5 per cento delle donazioni ricevute con questa raccolta fondi dal basso permetterà di finanziare la ricostruzione del Centro di Terapia integrata per l’infanzia La Lucciola a seguito del terremoto dello scorso anno. La raccolta scade l’8 dicembre. Chi volesse contribuire a raccontare questa terra di antichi saperi può farlo qui.