Questo sito contribuisce all'audience di

Un nuovo percorso ciclabile dall’Adige al Po

Condivisioni

In una valle di sprechi e inefficienze, a volte brilla anche qualche esempio virtuoso, e a noi di Non Sprecare piace sempre segnalarlo: domenica 5 maggio si inaugura il nuovo percorso ciclabile Adige-Po in Polesine con tanto di ciclo-manifestazione delle Associazioni FIAB del Veneto. La realizzazione del percorso è un esempio di buona politica e di buona amministrazione: su un costo di circa 3,6 milioni di euro, il 60% è stato sostenuto  da fondi europei e regionali, il 15% dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo e il restante 25% dagli otto Comuni coinvolti, consapevoli delle ricadute positive per il territorio:  Lendinara, Villanova del Ghebbo, Fratta polesine, Villamarzana, Pincara, Frassinelle Polesine, Arquà Polesine e Polesella. Tutti i sindaci, di colore politico diverso, si sono attivati per cercare finanziamenti, mentre il Comune di Fratta Polesine ha curato il versante delle approvazioni e degli appalti, fungendo da regia generale.

LEGGI ANCHE: Da Parigi a Londra in bicicletta, su una pista ciclabile di 400 km

Il percorso, lungo 35 km, consente di andare dall’Adige al Po visitando cittadine di grande interesse storico ed artistico del Polesine: “è l’esempio di come attrezzare territori  vasti con una infrastruttura continua, sicura e condivisa con il territorio” – dichiara l’ing. Passigato che lo ha progettato. Tutte le Associazioni  FIAB partecipanti alla manifestazione del  5 maggio si incontreranno a Ca’ Morosini sull’Adige e da lì partiranno alle 10 puntando in direzione di Polesella, dove si giungerà a metà pomeriggio. “Vogliamo essere un continuo elemento di stimolo per le amministrazioni che si impegnano a porre la ciclabilità come elemento significativo nella loro attività amministrativa: perciò siamo pronti a testimoniare la nostra approvazione   e a darne atto a quelle amministrazioni più positivamente impegnate”, dichiara il coordinatore FIAB  Veneto Luciano Renier.