Un lusso anche i contratti di serie B. Nessuno pensa al Welfare dei figli | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Un lusso anche i contratti di serie B. Nessuno pensa al Welfare dei figli

di Posted on

Caro Direttore,
il ministro Renato Brunetta ha molta ragione quando avverte che il diritto del lavoro, e in particolare l’articolo 18 dello Statuto del 1970, oggi si applica soltanto ai padri e non ai figli. Gli italiani, pero’, hanno diritto di sapere che cosa il ministro propone seriamente? e non soltanto con una battuta in un talk show ?per superare il regime di apartheid che penalizza la nuova generazione di lavoratori.
vero: da anni, ormai, a un ventenne o trentenne che cerca lavoro in Italia le aziende offrono di tutto, tranne che un rapporto di lavoro regolare. E anche un rapporto di lavoro di serie B ?a progetto, o comunque a termine? e’ gia’ considerato, in molte situazioni, un privilegio difficilmente ottenibile, rispetto alla normalita’, costituita dal lavoro di serie C: stage semigratuiti in azienda tutto lavoro e niente formazione, assunzione con partita Iva per mansioni d’ufficio, di cantiere, di negozio, di call center, di magazzino, che erano tradizionalmente considerate come lavoro dipendente. Case editrici in cui da anni non si assume piu’ un redattore o un correttore di bozze con un contratto normale di lavoro dipendente; case di cura private che formalmente non hanno alle proprie dipendenze neanche un solo medico, un solo infermiere, un solo barelliere: tutti a partita Iva, oppure soci di cooperative di lavoro a cui il servizio viene appaltato.
Stessa musica nel settore pubblico, dove ormai domina sempre piu’ diffusamente l’esternalizzazione delle funzioni mediante cooperative e altri appaltatori, che utilizzano ogni forma di lavoro atipico. Accade pure che dopo un periodo piu’ o meno lungo di anticamera anche un ventenne o trentenne finisca coll’ottenere l’agognato posto di lavoro stabile regolare; ma il punto e’ che il datore di lavoro ha di fatto la possibilita’ di scegliere che il lavoratore, anche se sostanzialmente dipendente, resti escluso dalla protezione regolare per decenni. In altre parole: il diritto del lavoro sta perdendo la sua natura di standard minimo di trattamento universale, per assumere la natura di un ordinamento eminentemente derogabile: chi vuole lo applica e chi non vuole no. Naturalmente, poi, quando viene la bufera, a pagare per primi sono sempre i non protetti: i 500 mila lavoratori italiani che hanno perso il posto nei mesi passati di recessione sono ovviamente quasi tutti di serie B e C. Dunque: il ministro fa bene ad aprire gli occhi su questa realta’, a riconoscere che il nostro mercato del lavoro e il nostro sistema di protezione sociale non sono affatto i migliori del mondo, come egli stesso ci ha detto solo pochi mesi or sono. Ma deve anche dire quale e’ la sua diagnosi del fenomeno e quale la terapia che propone. Una cosa e’ certa: il problema non e’ soltanto di controlli e di repressione delle frodi. Controllo e repressione servono quando la violazione o elusione delle regole e’ un fenomeno marginale; quando invece? come oggi accade per il nostro diritto del lavoro ?violazione ed elusione diventano un fatto normale su larga scala, e’ l’ordinamento stesso che deve essere rifondato. La disciplina italiana del rapporto di lavoro regolare e’ vecchia ormai di oltre quarant’anni. stata scritta quando non esistevano ne’ i computer, ne’ Internet, ma neppure i fax e le fotocopiatrici; quando era normale che un giovane entrasse in un’azienda con la prospettiva di restarci per trenta o quarant’anni svolgendo la stessa mansione, piu’ o meno con gli stessi strumenti e le stesse tecniche. Oggi il tempo di vita di una tecnica produttiva (ma anche di un prodotto o di un materiale) non si misura piu’ in decenni, ma in anni o addirittura in mesi; le imprese nascono e muoiono con un ritmo incomparabilmente piu’ rapido rispetto ad allora.
Cosi’ stando le cose, la sicurezza economica e professionale dei lavoratori non puo’ piu’ essere affidata al modello del posto fisso. Ed e’ in larga misura inevitabile che le imprese facciano di tutto per eludere, nelle nuove assunzioni, una disciplina della stabilita’ del lavoro, come quella dettata dall’articolo 18 dello Statuto del 1970, che condiziona lo scioglimento del rapporto di lavoro per motivi economici od organizzativi a un controllo giudiziale che puo’ richiedere due, quattro o sei anni; e al Sud anche otto o dieci. La soluzione, allora, non e’ togliere l’articolo 18 ai padri, ma riscrivere il diritto del lavoro per i figli, per le nuove generazioni; in modo che esso torni capace di applicarsi davvero a tutti i rapporti che si costituiranno da qui in avanti. E garantire davvero a tutti non l’impossibile posto fisso, ma quella protezione contro le discriminazioni e quella rete di sicurezza nel mercato, da cui oggi la nuova generazione dei lavoratori italiani e’ per la maggior parte esclusa.

Shares