Ubriachi all'Onu: nel Palazzo di vetro l'alcol scorre a fiumi. Anche nelle riunioni... | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Ubriachi all’Onu: nel Palazzo di vetro l’alcol scorre a fiumi. Anche nelle riunioni…

di Posted on
Condivisioni

Ubriachi all’Onu. E’ l’ultima accusa che arriva dal Palazzo di vetro di New York dove, mentre si annunciano grandi campagne planetarie contro gli sprechi ( ad esempio quelli alimentari) va di moda partecipare alle riunioni diplomatiche bevendo super-alcolici fino a sbronzarsi.

Secondo alcune fonti interne, le cantine del Palazzo sarebbero piene di enormi scorte di vino pregiato, alcolici ad altissima gradazione, casse di whisky e Martini. Il risultato è che, durante le sedute, diversi diplomatici appaiono più che allegri e non riescono neanche a prendere la parola.

LEGGI ANCHE: Sprechi europei, le ambasciate ai tropici per fare i bagni a mare

“E’ venuto il momento di fare diventare le nostre riunioni zone dealcolizzate” annuncia Joseph Torsella, rappresentante degli Stati Uniti nel Palazzo di vetro.

E sul sito del giornale New York Times, il professore Richard Gowan scrive: “La sede dell’Onu di New York è rimasta l’unico posto in tutta l’America dove non solo è consentito bere, ma è previsto”.

L’alcol a fiumi, con le relative spese, non contribuisce a restituire credibilità a un’istituzione che da molto tempo è al centro di polemiche per l’uso dei soldi che gestisce. E innanzitutto per una domanda che, al momento, non ha ancora una risposta certa: l’Onu serve ancora?

LEGGI ANCHE: