Questo sito contribuisce all'audience di

Sprechi pubblici. La Provincia di Vibo inventa 5 Circondari e moltiplica le poltrone

di Posted on
Condivisioni

Avranno presidente, vice e consiglieri. Con rimborsi
Il 6 marzo la Provincia di Vibo Valentia compie 18 anni. E apprestandosi a conquistare la maggiore eta’, si e’ riprodotta con successo: per partenogenesi, come le alghe dello splendido mare calabrese. Da un solo ente sono cosi’ nate altre cinque piccole Province, chiamate Circondari. Ciascuna con presidente, vicepresidente, e relativo consiglio circondariale.
Sull’abolizione delle Province, promessa in campagna elettorale, e’ stata messa una pietra sopra. Come pure sui consorzi di bonifica, i tribunali delle acque, i commissariati per gli usi civici, i bacini imbriferi montani… Che pero’, dopo aver tagliato i tagli, almeno non si creassero nuovi enti, era davvero il minimo. Evidentemente non in quel pezzo di Calabria che nel 1992 e’ stato sottratto per legge alla Provincia di Catanzaro e reso autonomo. Il 30 dicembre 2009, mentre si preparavano i botti di Capodanno, il consiglio provinciale di Vibo Valentia ha pensato bene di approvare un regolamento che suddivide il territorio della Provincia in cinque Circondari. Che cosa sono? Enti intermedi fra le Province e i Comuni che erano stati istituiti nel 1859 dal ministro dell’Interno del Regno di Sardegna Urbano Rattazzi, per essere poi soppressi nel 1927. Nel 2000 il testo unico degli enti locali li ha tuttavia formalmente riesumati e in giro per l’Italia ne e’ spuntato di nuovo qualcuno. Per esempio nei dintorni di Torino, Bologna, Siena, Livorno, Forli’-Cesena, Firenze e Reggio Calabria. Ma cinque Circondari nuovi di zecca tutti insieme, in una Provincia che conta in tutto 270 mila abitanti, e poi in questo momento, a pochi mesi dalle elezioni regionali, non possono passare inosservati.
E poi, a che cosa servono? Con il Circondario, dice il regolamento, la Provincia attua il decentramento dei servizi e degli uffici, compatibilmente con le concrete esigenze di gestione, mediante l’istituzione di propri uffici decentrati e funzionali . Insomma, un decentramento del decentramento. Che comportera’ l’apertura di altre strutture provinciali nei capoluoghi di Circondario . Perche’ ognuno di questi nuovi enti intermedi avra’ anche un capoluogo, coincidente con il comune piu’ popoloso, a meno che i sindaci della zona non decidano diversamente. Il capoluogo del Circondario di Tropea non potra’ che essere Tropea, 6.836 abitanti. Quello di Serra San Bruno, Serra San Bruno: 7.068 residenti, un record. Quello di Nicotera, Nicotera: 6.778 persone. Quello dell’Alto Mesima, Acquaro: che di anime ne ha appena 3.046. Mentre la scelta del capoluogo del Circondario di Filadelfia cadra’ senza alcun dubbio su Filadelfia. Comune di 6.283 abitanti dove c’e’ un sindaco democratico ex popolare, Francesco De Nisi, che e’ contemporaneamente anche il presidente della giunta provinciale.
E in quanto principale esponente della maggioranza si becca la stroncatura senza appello di Giovanni Macri’, consigliere provinciale del Pdl: Sa con quale motivazione questi nuovi enti inutili sono stati creati? Per far sentire la Provincia piu’ vicina al cittadino in un territorio dove le strade sono disastrate, dicono. Le pare un motivo serio? I Circondari non servono assolutamente a nulla. una ragione di poltrone e basta. Opinioni, naturalmente. Anche se qualche strapuntino, va detto, ci sara’. Ogni Circondario ha un presidente e un vicepresidente che durano in carica due anni e possono essere scelti fra i rappresentanti dei Comuni o i consiglieri provinciali. C’e’ poi un consiglio circondariale composto dagli stessi consiglieri della Provincia eletti in quel territorio nonche’ dai sindaci dei Comuni che ne fanno parte, oppure dai loro delegati. Non basta: c’e’ anche un collegio dei presidenti dei Circondari , presieduto dal presidente della Provincia e di cui dovrebbe far parte anche il sindaco di Vibo Valentia, Francesco Sammarco. Ma e’ tutto gratis. Ai consiglieri, al presidente e al suo vice non spetta alcuna indennita’ per l’esercizio delle proprie funzioni, ne’ alcun gettone di presenza. Certo, se pero’ nella loro autonomia i Comuni lo decidono, nessuno gli potra’ impedire la corresponsione, ai propri rappresentanti, di indennita’ di missione e/o rimborso delle spese sostenute e di quelle di viaggio. Sia chiaro, sempre con oneri a proprio carico . Ci mancherebbe…