Rimedi naturali per l'anemia | Non sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Anemia: rimedi naturali e prevenzione

Si parte con la tavola: barbabietola, ortica, succo d'arancia e di limone. Bevande da evitare caffè e tè

L’anemia si combatte innanzitutto a tavola. Con una dieta ferrea, nel senso ricca di ferro e allo stesso tempo ben bilanciata. Dunque, largo alle carni rosse magre, al tacchino, al pollo, al merluzzo, al tonno, al salmone. Poi c’è il ferro contenuto nella frutta e nella verdura, che i medici suggeriscono di assumere in compagnia della vitamina C (succo d’arancia e di limone, innanzitutto). Il ferro assunto con la cisteina, contenuta nella carne bianca e nel pesce, viene assorbito a una velocità 2-3 volte superiore rispetto al ferro contenuto nelle verdure. E c’è da tenere presente che nella metà dei casi di anemia (ne soffrono 700 milioni di persone nel mondo) l’origine è proprio una carenza nutrizionale, di ferro.

CHE COS’È L’ANEMIA

Anche se esistono differenti forme di anemia, la più diffusa e conosciuta è senza dubbio quella dovuta a una carenza di ferro. Per risolvere il problema a volte è sufficiente un’alimentazione adeguata caratterizzata dalla presenza di carni rosse magre, tacchino, pollo, alcune varietà di pesce come tonno, merluzzo e salmone e ancora cereali, legumi e verdure. È necessario inoltre integrare la propria dieta con un giusto apporto di vitamina C in grado di favorire l’assorbimento del ferro.

SINTOMI DELL’ANEMIA

Pallore, spossatezza, mal di testa, accelerazione improvvisa e immotivata del battito cardiaco: sono alcuni tra i più comuni campanelli d’allarme dell’anemia, un disturbo dovuto a una scarsità di globuli rossi o emoglobina nell’organismo.

PER SAPERNE DI PIÙ: I rimedi naturali per alleviare il gonfiore alle gambe

CAUSE DELL’ANEMIA

L’anemia più frequente è quella che deriva dalla mancanza di ferro, che viene chiamata anemia sideropenica (dal latino sideros, ferro e penìa, povertà) o anemia marziale. In pratica la mancanza degli adeguati livelli di ferro nel nostro organismo complica, e di molto, il trasporto di ossigeno attraverso il sangue. E il primo effetto sono stanchezza, spossatezza e fiato corto. Ma da che cosa può dipendere la mancanza di ferro nel nostro organismo?

  • Da una dieta scarsa di ferro. Dovuta, in alcuni casi, anche all’esigenza di dimagrire e di farlo attraverso un percorso sbagliato
  • Dallo scarso assorbimento del ferro in seguito a malattie come la celiachia o il morbo di Crohn o qualche malattia intestinale ulcerosa.
  • Dalla gravidanza o dall’allattamento, che sono fasi molto delicate per la maggiore quantità di ferro necessaria alla buona crescita del feto
  • Dagli interventi chirurgici che hanno comportato l’eliminazione di pezzi del tubo intestinale, con una riduzione della capacità di assorbimento del ferro
  • Da emorragie e sanguinamenti, che possono essere anche occulti, lenti e cronici. Quando, epr esempio, si soffre per un’ernia iatale, per un polipo o per un tumore.

anemia

RIMEDI NATURALI PER L’ANEMIA

Se si tratta quindi di un disturbo passeggero che non richiede particolari cure ma una semplice modifica della dieta alimentare, ecco alcuni consigli utili per cercare di risolvere il problema in maniera naturale, senza ricorrere ai farmaci:

Vi abbiamo già parlato dell’importanza del consumo di barbabietole rosse, una vera e propria “botte di ferro” per chi soffre di anemia e non gradisce la carne rossa. Per ricostituire i vostri globuli rossi, provate a bere, per almeno un mese, due bicchieri al giorno di succo di barbabietola rossa

Anche l’ortica, oltre ad avere proprietà diuretiche e drenanti è ricca di ferro e vitamina C. Utilizzatela per preparare risotti, tisane e minestre

  • MELA CHIODATA

Un altro rimedio naturale è quello della mela chiodata. Prepararla è semplicissimo: basta infilare nella polpa di una mela 6 o 7 chiodi di ferro lasciandoli nel frutto per un giorno intero. Dopodichè potete toglierli e riutilizzarli su una nuova mela. In pratica, il metabolismo della mela riesce a trasformare il ferro inorganico contenuto nei chiodi in ferro organico altamente assimilabile. E se il proverbio dice che una mela al giorno leva il medico di torno, vale la pena provare.

  • SUCCO D’ARANCIA E DI LIMONE

Il succo d’arancia e quello di limone, ricchi di vitamina C, sono invece perfetti per favorire l’assorbimento del ferro. Per questo motivo, non fatevi mai mancare a colazione una buona spremuta fresca oppure utilizzate il succo di limone per condire le vostre insalate e le verdure a foglie verdi come gli spinaci o i broccoli.

Anche ceci e pistacchi si rivelano utili contro l’anemia.

LEGGI ANCHE: Come eliminare la pancia gonfia con i rimedi naturali

COSA EVITARE PER L’ANEMIA

Infine, per non ostacolare l’assorbimento del ferro, cercate di non bere troppe tazze di tè o caffè e di limitare il consumo di latticini: l’alto contenuto di calcio ostacola l’assorbimento del ferro. Per questo motivo è inoltre opportuno non consumare insieme latticini e alimenti ricchi di ferro.

COSA BERE PER L’ANEMIA

Mentre bisogna evitare il caffè e il tè, è molto utile per affrontare l’anemia bere due bicchieri al giorno di barbabietola rossa, per un periodo indicato dal medico. Può fare bene anche un cucchiaino di argilla ventilata, sciolta in mezzo bicchiere d’acqua. Ottimi anche i succhi d’uva e di mirtillo.

ANEMIA PREVENZIONE

Dopo avere visto come si previene l’anemia a tavola, con cibi ricchi di vitamine e di ferro, e con alcune bevande, come la barbabietola rossa, ecco altri consigli per evitarla e comunque controllarla.
Se l’anemia persiste anche dopo il cambio di regime alimentare, è fondamentale consultare il medico. Anche per valutare se può essere associata ad altre malattie, dalla celiachia agli scompensi cardiaci, fino al cancro al colon.
  • Evitate un eccessivo consumo di alcolici: possono interferire con la capacità di assorbire l’acido folico, quello che serve a sua volta per produrre globuli rossi.
  • Non utilizzate inutili integratori, spreco assoluto, senza prima averne parlato con il medico.
  • Se tra le cause dell’anemia ci fosse anche un’eccessiva attività fisica aerobica, cosa che può accadere, non dovete fare altro che ridurla.
Share

Nessun commento presente

Che ne pensi?

<