Questo sito contribuisce all'audience di

Raccolta differenziata: perché Rimini è la numero uno in Italia

A Rimini la raccolta differenziata ha raggiunto livelli record rispetto alla media nazionale: un sistema che tutti i comuni dovrebbero imitare.

Condivisioni

Modello Rimini, ovvero come portare la raccolta differenziata a livelli record.

Nella cittadina romagnola, molto frequentata durante l’estate dai turisti che appesantiscono la catena dello smaltimento, gli amministratori pubblici, con la collaborazione della società Hera, sono riusciti a raggiungere un traguardo record in Italia: 475 chilogrammi di spazzatura differenziata rispetto ai 189 della media nazionale.

Sono cifre da nazioni scandinave e non da Belpaese, ma dimostrano che anche in Italia è possibile arrivare a standard molto elevati nel sistema di raccolta dei rifiuti.

LEGGI ANCHE: Sentinelle dei rifiuti, a Torino giovani volontari per la raccolta differenziata

Come è stato possibile? Innanzitutto attraverso una rete sempre più moderna ed efficace, abbinata a una continua informazione ai cittadini che ancora non conoscono bene le più elementari tecniche della differenziata. L’ultima operazione messa in piedi dal comune e dalla società Hera si chiama “Decoro urbano” e consiste nella sistemazione di nuovi contenitori stilizzati per la raccolta. Saranno 230 in tutti i punti strategici della città, e andranno a formare 46 isole ecologiche. Inoltre saranno parlanti, daranno cioè tutte le indicazioni per un corretto smaltimento del rifiuto.

I contenitori per la carta, la plastica e l’indifferenziata saranno di colore grigio antracite, mentre l’organico e il vetro andranno in maxi-bidoni rivestiti con pellicole per fotografare l’operazione di smaltimento. Tutti i nuovi cassonetti sono stati attrezzati con un sistema QR Code che offre le indicazioni ai cittadini, scaricabile su smartphone attraverso il sito ilrifiutologo.it

Rimini diventa così una città-campione per l’Italia e il suo caso andrebbe studiato e, se possibile, copiato da tutti gli amministratori locali che hanno ancora livelli troppo bassi di raccolta differenziata nelle loro città.

PER SAPERNE DI PIU’: Raccolta differenziata, tutto quello che devi sapere per farla presto e bene