Quelle foreste uccise dai mutamenti climatici | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Quelle foreste uccise dai mutamenti climatici

di Posted on

Una ricerca internazionale segnala almeno 88 casi di boschi spariti dal 1970 a oggi: colpa dell’aumento della temperatura e della siccita’. Il quadro globale e la situazione italiana

Coprono il 30% dei continenti, sono un simbolo di resistenza e longevita’. Ma l’immagine che abbiamo delle foreste potrebbe essere troppo ottimistica. Un gruppo internazionale di 20 scienziati ha documentato la morte di intere foreste in ogni continente, ed ha confrontato le circostanze di questi eventi con il cambiamento climatico. Lo studio dimostra che il riscaldamento globale puo’ causare stragi di boschi e foreste un po’ ovunque, con conseguenze per l’ambiente (e l’economia) ancora tutte da capire. A dirigere il lavoro, pubblicato sulla rivista Forest Ecology and Management, e’ stato Craig Allen del servizio geologico statunitense (USGS).

Lo scenario globale. Allen e il team di ecologi e botanici presentano 88 casi ben documentati di foreste decimate dal 1970 ad oggi, dalla savana africana alle giungle tropicali del Borneo, a ogni latitudine. Tutti eventi causati da stress climatico, destinato in molti casi ad intensificarsi.

La lista e’ lunga: ci sono 0,5 milioni di ettari di pino rosso cinese scomparsi in pochi anni di siccita’. E poi 5000 ettari di boschi di faggio australe spariti tra il 1984 ed il 1987 in Nuova Zelanda. O le foreste di miombo, nella savana dello Zimbawe: 500mila ettari decimati da siccita’ eccezionali all’inizio degli anni Novanta.

Morie legate al clima che inaridisce il terreno, quindi, ma favorisce anche il proliferare di alcuni parassiti. il caso per esempio dei 56mila ettari di boschi di conifere uccisi da voraci coleotteri tra il 1986 ed il 1992 in California. A cavallo di questi animali, tra l’altro, le infezioni passano da un albero all’altro accelerandone il deperimento. Lo stesso vale per i 2 milioni di ettari di foreste boreali che coprono la Siberia da un capo all’altro, uccise dalla temperatura e dai coleotteri in due aridi estati, tra il 2004 e il 2006. Una perdita non da poco, se si considera che sono scomparsi 208 milioni di metri cubi di legname.

Lo scenario in Italia. Lo studio non trascura il territorio italiano, coperto per il 35% di boschi. Una percentuale che cresce, visto l’abbandono delle aree montane. Ma che non mette al riparo da un clima piu’ irrequieto, avvertono gli esperti. Come Piergiorgio Terzuolo, dell’Istituto per le Piante da Legno e l’Ambiente in Piemonte, che segue da anni il deperimento dei 90 mila ettari di quercete e carpinete piemontesi. Gli “ultimi relitti di boschi primigeni” stanno lentamente scomparendo, stremati dal clima e poi aggrediti da funghi e parassiti. Lo studio diretto da Allen cita invece episodi di moria di boschi di pino silvestre in Tirolo e Valle d’Aosta, anch’essi indeboliti lungo tutto l’arco alpino.

Un antipasto di quello che ci aspetta in futuro, insomma, infatti gia’ nel 2007 i dipartimenti di botanica delle universita’ italiane avevano consegnato al ministero per l’Ambiente una lista di 21 foreste minacciate dal cambiamento climatico. Dalle pecciete della Valle d’Aosta, alle sugherete e le lecciete di Sardegna e Sicilia, gli alberi pativano un clima sempre piu’ asciutto. Gli esperti italiani avevano esaminato i dati di 400 stazioni meteo e avevano avvertito che un bosco su tre soffriva gia’ l’aumento della temperatura, mentre l’80% sopravviveva a stento in un terreno inaridito.

Una fissazione o un dato reale? Allen e colleghi spiegano di essere all’inizio di uno studio che dovra’ per forza andare avanti e allargarsi. “Le ricerche che mettono in luce il legame tra aumento della siccita’ ed il recente riscaldamento globale crescono di anno in anno”, dicono. Ed avvertono che se il legame con il clima verra’ confermato, il male potrebbe espandersi fino a diventare cronico. Gli alberi trattengono nel loro legno molta piu’ anidride carbonica dell’atmosfera, dice Allen, e ogni foresta abbattuta rimette in circolo il gas serra, rendendo ancora piu’ in salita la corsa alla riduzione delle emissioni.

Certo, si puo’ sempre sperare che gli alberi migrino in altre regioni. Il problema, spiega Allen, e’ che “molti semi non riescono a seguire il peregrinare del clima. E poi un albero impiega decenni, se non secoli, per diventare adulto, mentre il clima puo’ uccidere una pianta bicentenaria in un paio di anni.”

Shares