Pesci fuor d'acqua: sono già pochi, saranno meno | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Pesci fuor d’acqua: sono già pochi, saranno meno

di Posted on

Se ne parla da anni, sempre tra le righe perché forse è una possibilità troppo grave con cui confrontarsi. E se il pesce nel mare inteso come prodotto alimentare facilmente reperibile stesse diventando sempre più raro? E se un giorno dovessimo scoprire che anche le sogliole o le vongole sono prodotti d’elite perché introvabili?

L’allarme è forte e viene da una fonte autorevolissima: il WWF. Che lancia quest’appello e la successiva petizione che noi di Non Sprecare siamo felici di riportare. Ecco l’invito di World Wildlife Fund Italia:

La pesca eccessiva ha consumato gli stock ittici in Europa e nel mondo. Di pesce, ormai ce n’e’ poco. E sono i pescatori, oltre a noi, a dirlo! Nelle acque europee circa il 70% degli stock ittici sono sovrasfruttati. Si pescano piu’ pesci di quanti ne nascono. Specie simbolo come il tonno rosso del Mediterraneo o il baccalà dell’Atlantico sono stati enormemente sfruttati per decenni. E ‘tempo di cambiare e abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti voi.

L’Europa ha purtroppo sempre mal gestito la pesca. La sua politica comune della pesca (PCP) è attualmente in fase di revisione. Abbiamo, quindi, un’opportunità unica per assicurare un futuro per i pesci e per vedere i nostri mari prosperare di nuovo. Abbiamo bisogno di una vera e’ propria riforma radicale della politica della pesca europea. Chiedi una riforma della Politica della Pesca Europea. Firma la petizione! 

Shares