Ogni minuto perdiamo 23 ettari di suolo agricolo. Circa 5,5 quelli rubati dall’urbanizzazione | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Ogni minuto perdiamo 23 ettari di suolo agricolo. Circa 5,5 quelli rubati dall’urbanizzazione

Condivisioni

Ogni minuto nel mondo 23 ettari di terreno fertile vengono divorati dal deserto. È questo il dato impressionante che hanno evidenziato gli esperti del Global Soil Forum, un network di scienziati e rappresentanti delle istituzioni, nel  corso della settimana dedicata al suolo svoltasi a Berlino.

Una superficie talmente vasta da equivalere a quella composta da 33 campi di calcio regolamentari. E non è tutto: ai terreni trasformati in deserto si aggiungono i 5,5 ettari al minuto persi per l’urbanizzazione e i 10 ettari semplicemente degradati a tal punto da rendere loro impossibile sostenere la vita.

LEGGI ANCHE: Il suolo dell’Italia è sempre più fragile, 4 miliardi l’anno per piogge e frane

Una situazione abbastanza preoccupante dal momento che il 90 per cento della produzione alimentare globale dipende dai terreni agricoli, fondamentali anche per l’arricchimento della biodiversità e la sopravvivenza degli ecosistemi, la mitigazione e l’adattamento al cambiamento climatico.

Il suolo, come hanno spiegato gli esperti,  è “una risorsa non rinnovabile” e la popolazione mondiale ne sta causando la distruzione ad un ritmo molto più elevato rispetto alle capacità naturali di rigenerazione, minacciando così la sostenibilità ambientale e gli equilibri naturali degli ecosistemi.

“Senza suoli fertili la sicurezza alimentare, la diminuzione della povertà e la mitigazione dei cambiamenti climatici non possono essere raggiunte”, ha spiegato Klaus Topfer dell’Institute for Advanced Sustainability Studies (IASS) di Potsdam aggiungendo che “la Global Soil Week è un’occasione per chiedere a politici, ai manager e alla società civile di indicare la protezione del suolo come una priorità da subito”.

LEGGI ANCHE: