Questo sito contribuisce all'audience di

Londra. Contapassi per i bobbies “Rassicuriamo i cittadini”

di Posted on
Condivisioni

L’immagine del “bobbie”, il poliziotto disarmato con il caratteristico elmetto oblungo in testa, che passeggia per le strade di un quartiere, vigilando, rassicurando, ossservando, e’ un’icona della vita inglese. Ma funziona soltanto se, per l’appunto, il poliziotto in questione passeggia davvero. Se rimanesse fermi, magari appoggiato a un lampione o addirittura seduto su un muretto, ovviamente l’immagine sarebbe ben diversa: e, anziche’ tranquillizzarsi sul grado di sicurezza della zona, la gente avrebbe ogni buon diritto di allarmarsi. Anche per questo Scotland Yard ha preso l’iniziativa senza precedenti di distribuire un pedometro a decine dei suoi agenti che fanno regolare servizio di pattuglia nelle strade.

In questo modo la polizia di Londra potra’ verificare quanto camminano effettivamente i suoi “bobbies” e usare i dati raccolti in due possibili modi: per migliorare il servizio di vigilanza, per esempio, spronando gli agenti a estendere la loro passeggiata; oppure per dimostrare che camminano tanto, o perlomeno abbastanza, e magari, chi lo sa, chiedere un aumento del budget per risuolare le scarpe. Lo scopo ufficiale della campagna, afferma un portavoce di Scotland Yard, e’ “rassicurare l’opinione pubblica” che i poliziotti impiegati nell’operazione “Sicurezza nei Quartieri” svolgono efficientemente il proprio lavoro.

I contapassi costano 150 sterline ciascuno, circa 170 euro, e sono dello stesso tipo abitualmente fornito da sanitari ed istruttori alle persone obese o sovrappeso per incoraggiarrle a camminare di piu’. Il che potrebbe essere una parte segreta dell’iniziativa lanciata nei confronti dei “bobbies”: 2 mila dei 31500 agenti di Scotland Yard, infatti, risultano sovrappeso e la speranza e’ che il nuovo gadget spingera’ anche loro a consumare un po’ di piu’ la suola delle scarpe durante la quotidiana passeggiata di soverglianza per le vie di Londra.