Questo sito contribuisce all'audience di

Le 10 mete più convenienti delle vacanze

di Posted on
Condivisioni

A due passi da casa o dall’altra parte dell’oceano, per una crisi economica o politica, sono diversi i paesi in cui è più conveniente andare. Dalle torri di Dubai a quelle di Kuala Lumpur con uno sguardo alle novità e l’altro al portafoglio.

Portogallo. E’ vicino e facilmente raggiungibile con le compagnie low cost, si spende poco,  si mangia ma soprattutto si beve bene e per gli amanti del genere è il paese di Cristiano Ronaldo e Josè Mourinho. Certo, è riduttivo ridurre il Portogallo al vino liquoroso delle regioni del nord o alle sue stelle calcistiche. Per apprezzare appieno la terrazza europea sull’Oceano non c’è niente di meglio che percorrerla da nord a sud fermandosi nei paesini sulla costa magari approfittando di qualche evento caratteristico. Si comincia da Lisbona, ideale da visitare a giugno quando si anima di feste popolari. Le Festes de Lisboa raggiungono il culmine la notte del 12 giugno per celebrare Sant’Antonio. Le serate sono ricche di party all’aperto nei quartieri tipici – Castelo, Mouraria, Graça, Alfama, Ajuda e Bairro Alto – addobbati di ghirlande e invasi dal profumo delle sarde arrosto e dall’aroma del basilico. A luglio invece non può mancare una sosta a Óbidos, 80 chilometri a nord di Lisbona, per un viaggio nel tempo. La cittadina, chiusa all’interno di possenti mura, è lo scenario ideale per centinaia di figuranti che dal 7 al 24 luglio faranno rivivere il Medioevo: nobili, mendicanti, giocolieri, musicisti, giullari, tornei a cavallo e persino un mercato con vendita di rimedi tradizionali.

Emirati Arabi. Un fazzoletto di terra tra il deserto della Penisola arabica e il Golfo Persico con una mutevolezza che non ha pari nel mondo. Di anno in anno Abu Dhabi e Dubai sconvolgono il loro skyline (il Burj Khalifa di 828 metri è solo il più eclatante degli esempi) e l’offerta turistica per rendersi sempre più appetibili ai turisti internazionali, ora anche con prezzi commerciali. Per colpa o per merito dei problemi finanziari di Dubai (che hanno fatto sgonfiare la bolla delle tariffe) e a politiche integrate di turismo gli Emirati sono in grado di proporre pacchetti super convenienti se paragonati ai servizi resi in loco. Un’occasione da cogliere al volo per visitare il già famoso parco a tema Ferrari o per ammirare e magari percorrere il  Sheikh Zayed Bridge, il nuovo ponte che collega l’isola di Abu Dhabi alla terraferma, progettato dalla archi-star Zaha Hadid e inaugurato a fine 2010.

Irlanda. Non solo gnomi e folletti, ma anche scogliere a picco sul mare e appassionati di James Joyce che si aggirano vestiti in stile edoardiano per le strade di Dublino. Per le prime la destinazione è la Contea di Clare, lungo la costa occidentale. E’ qui a 600 chilometri da Dublino che si ergono maestose sull’Oceano, le Cliffs of Moher. Se invece volete vivere la capitale irlandese in un modo molto irish allora non potete perdervi  il Bloomsday Festival. Di cosa si tratta? Di un’intera settimana di celebrazioni dedicate al capolavoro di James Joyce: l’Ulisse. Tutti gli avvenimenti del romanzo si svolgono in una sola giornata, il 16 giugno del 1904, e proprio il 16 giugno di ogni anno la manifestazione raggiunge il suo culmine con letture pubbliche dell’opera, tour guidati, la tipica colazione irlandese e appassionati vestiti con abiti dell’epoca.