Questo sito contribuisce all'audience di

La rivoluzione dei lampioni a led RadioDavid

RadioDavid è un'idea di La Rebernig Supervisioni srl che è passata dall'operare nello sviluppo dei sistemi di supervisione di impianti di produzione di energia all'illuminazione pubblica e industriale. Così nel marzo del 2014 è nato RadioDavid: un lampione a Led telecontrollato a basso consumo energetico.

di Posted on
Condivisioni

LAMPIONI A LED RADIODAVID – La Rebernig Supervisioni srl nata nel 2010 per iniziativa dell’ing. e CEO Massimo Rebernig ha creato RadioDavid, un lampione a Led a basso consumo che permette un risparmio energetico fino al 75 per cento rispetto alle vecchie tecnologie. RadioDavid unisce la migliore efficienza luminosa (102 lm/W) disponibile nel mercato dei lampioni a Led, con un design minimale ed innovativo. Ogni suo componente è integrato in un’unica scheda madre all’interno di una monoscocca ottimizzata per resistere a condizioni atmosferiche estreme. Questa caratteristica permette di aumentare la sua efficienza del 10 per cento rispetto ai suoi competitors. Lo stesso vale per l’antenna, utilizzata per le trasmissioni radio dei dati, che è già incorporata.

LEGGI ANCHE – Avanzi di cibo dei ristoranti a Londra diventano elettricità

RIDUCONO L’INQUINAMENTO LUMINOSO – Alla base è munito di un sistema di rotazione 0-90° che ne consente la regolazione dell’inclinazione così da poter essere collocato sempre in una posizione parallela al terreno, allo scopo di ridurre al minimo l’inquinamento luminoso. Il flusso luminoso è infatti regolato dal software di controllo SmartNight che consente di regolare la luminosità di ogni singolo punto luce, di verificarne l’efficienza e di stimarne i rispettivi consumi. Inoltre, permette di raccogliere i dati e di raffrontarli nel corso dell’intera vita dell’impianto. Produce periodici report dei consumi e consente una gestione puntuale delle richieste di manutenzione.

UN SISTEMA OPEN – RadioDavid nasce per essere social. Questo sistema può essere integrato facilmente con altre reti di telecontrollo già esistenti nel territorio. Inoltre, è possibile sviluppare vari servizi correlati, come ad esempio il controllo dell’affluenza del traffico, della rete gas ed i servizi legati ai rifiuti utilizzando ogni lampione come punto di raccolta dati verso città sempre più smart. L’installazione del sistema RadioDavid contribuisce a promuovere una cultura del risparmio e dell’efficienza energetica verso una gestione consapevole e senza spreco dell’energia.

LEGGI ANCHE – Rhome for denCity: è italiana la casa del futuro ad alta efficienza energetica e contro gli sprechi

RIDUCONO LA NOSTRA IMPRONTA ECOLOGICA SUL PIANETA – La conseguente riduzione dell’inquinamento luminoso e delle emissioni di CO2 in atmosfera consentirebbe una diminuzione considerevole della nostra impronta ecologica sul pianeta. Inoltre, la diminuzione dei costi energetici e di manutenzione permette un notevole risparmio, in particolar modo per le amministrazioni comunali che potrebbero passare dagli oltre 100 euro/anno ai circa 40 euro/anno per ogni singolo punto luce, con significative ricadute per la collettività. Se si sostituissero, per esempio, 150 punti luce tradizionali da 250w con altrettanti RadioDavid da 82w, si avrebbe una maggiore efficienza luminosa, si determinerebbe un risparmio di 115.290 kwh all’anno e una riduzione dei costi in bolletta di 420.250,50 euro in 15 anni. L’investimento iniziale verrebbe ripagato in poco più di 2 anni.

LEGGI ANCHE –  Efficienza energetica nelle aziende: così le imprese possono risparmiare

Attualmente sono stati venduti ed installati 64 RadioDavid con relativo sistema di telecontrollo. 30 lampioni in una strada pubblica nel Comune di Correggio (RE), 6 in una piazza pubblica del Comune di Dovadola (FC) e 30 per l’azienda privata CIICAI a Calderara (BO). Ma La Rebernig Supervisioni srl continuerà a far capire che RadioDavid è una scelta giusta per i cittadini, per le aziende e per l’ambiente.

Il progetto è in concorso per l’edizione 2014 del Premio Non Sprecare. Per conoscere il bando e partecipare vai qui!

Se il progetto ti è piaciuto condividilo su Facebook, Twitter e G+!