La citycar di domani sarà elettrica | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

La citycar di domani sarà elettrica

di Posted on
Condivisioni

Un «ovetto» con le ruote per muoversi in città. Prende forma il progetto EN-V della General Motors: realizzare un mezzo cabinato a propulsione elettrica in grado di ospitare due persone, una specie di ibrido fra il mondo automobilistico e quello degli scooter. Dopo la presentazione al Salone di Shanghai lo scorso anno, ora da Detroit annunciano che presto arriverà la seconda generazione progettata per gli spostamenti urbani a impatto zero.

VEICOLO DA METROPOLI– «I prossimi concept EN-V saranno marchiati Chevrolet», spiega Chris Perry responsabile marketing e strategie, «rappresentano la nostra visione per il futuro del trasporto personale nelle grandi metropoli». Soprattutto quelle asiatiche, dove il tasso di inquinamento è elevato e le amministrazioni comunali premono a favore di soluzioni eco-compatibili. «Entro il 2030 più del 60% degli 8 miliardi della terra vivrà in aree urbane e avrà bisogno di soluzioni di mobilità alternativa». Nella versione evoluta, l’EN-V offrirà climatizzatore, un bagagliaio capiente e la possibilità di muoversi in maniera completamene autonoma grazie alla guida del Gps (quando il pilota è a bordo).

TEST IN ASIA– La rampa di lancio per l’ambizioso progetto è la Cina: in Aprile la General Motors ha siglato un’intesa con il fondo d’investimento a capitali cinesi e di Singapore per portare in strada la EN-V a Tiajin, città del nord che punta a diventare un centro di eccellenza delle tecnologie pulite. Ma in seguito i test saranno estesi anche agli Usa. La concept della GM è in grado di percorrere 40 km con una ricarica dalla rete domestica. Priva di volante, si muove grazie a una specie di joypad ed è sempre connessa a internet tramite wi-fi per comunicare agli altri veicoli la posizione esatta ed evitare incidenti. Per questo nella città cinese già studiano strade prive di semafori e di segnaletica dove il traffico è regolato da strumenti digitali e sensori. Fantascienza? Forse, ma è significativo che una casa americana abbia scelto di sperimentare in Cina un mezzo così avanzato.