Questo sito contribuisce all'audience di

In una scuola di Milano si insegna a non sprecare cibo. E la frutta fresca non finisce più nella spazzatura

Condivisioni

A scuola, per imparare anche a Non sprecare. Innanzitutto il cibo, convincendo alunni e famiglie a scegliere quello sano, rinunciando agli snack ed evitando che finisca nella spazzatura. Nella scuola media sperimentale Rinascita-Livi di Milano l’educazione alimentare è diventata un pezzo importante del percorso formativo, e lo slogan è proprio Non sprecare. La frutta che avanza durante i pasti non viene buttata, ma utilizzata per le merende del giorno dopo. E gli avanzi del pranzo che restano sul vassoio sono riciclati per i laboratori di cucina e di pasticceria.

Inoltre alla Rinascita-Livi sono ospitati mercati a chilometro zero per educare alla spesa e alla sana alimentazione, con la partecipazione delle famiglie. Il progetto è a cura di Clara de Clario, vice preside e autrice di diverse pubblicazioni proprio sul tema dell’educazione alimentare a scuola. “Bisogna educare i ragazzi a non sprecare, e la loro reazione ai nostri tentativi è stata molto positiva. Tanto che alcune classi, inizialmente non coinvolte nel progetto, hanno chiesto di partecipare”, spiega la professoressa de Clario. E speriamo che il suo esempio sia seguito da tante scuole, in tutta Italia.

LEGGI ANCHE: