In Italia 2 su 3 scelgono prodotti ecosostenibili | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

In Italia 2 su 3 scelgono prodotti ecosostenibili

di Posted on

Gli italiani al supermercato sono sempre piu’ attenti a come vengono prodotti i cibi che acquistano: il 70% da’ importanza agli aspetti etico-sociali mentre il 65% a quelli ambientali, e addirittura l’83% da’ valore a una produzione con basse emissioni di CO2. Questo trend e’ confermato anche delle aziende agroalimentari: l’83% ritiene che la considerazione dei temi ambientali ed etico sociali tendera’ a crescere, e il 41% ha gia’ in programma iniziative concrete per ridurre l’impatto ambientale.

Lo rivelano le opinioni espresse sia dai consumatori sia dalle imprese interpellate nel corso di un’indagine effettuata dalla fondazione internazionale Dnv (Det Norske Veritas), uno dei principali organismi indipendenti di certificazione e gestione dei rischi, per comprendere l’evoluzione del settore in Italia. Condotta nel mese di aprile, la ricerca ha rilevato in due fasi distinte il sentiment sia dell’offerta sia della domanda sui temi della sicurezza e della sostenibilita’ dei prodotti agroalimentari.

Dalla ricerca emerge in primo luogo una tendenza consolidata: i comportamenti d’acquisto dei consumatori premiano la fiducia nella marca dei prodotti e nel punto vendita. La sicurezza e la qualita’ del prodotto sono considerati dei prerequisiti all’acquisto: nel 72% dei casi viene verificata solamente la data di scadenza soprattutto presso le fasce d’eta’ piu’ giovani (25-44 anni) e al Centro Sud; nel 49,3% dei casi ci si affida anche alla notorieta’/reputazione di marca mentre nel 34, 3% di quella del Venditore/Punto Vendita. Nella valutazione del prodotto, invece, vengono adottati in misura crescente da oltre due terzi degli interpellati nuovi parametri di valutazione quali il rispetto della tematiche ambientali ed etico- sociali: il 65% del campione attribuisce importanza alla voce Ambiente/ Inquinamento, con maggiore incidenza presso i soggetti piu’ Maturi, le Donne residenti al Nord di Italia; il 70% attribuisce importanza agli aspetti Etico- Sociali con incidenza leggermente piu’ alta presso i soggetti piu’ Maturi.

Alla tematica della sostenibilita’ viene assegnata un’importanza crescente nel sistema dei valori e nelle scelte d’acquisto dei consumatori anche se i termini Carbon free e Carbon neutral, utilizzati per indicare i prodotti realizzati attraverso una filiera agroalimentare a bassa emissione di CO2, sono di fatto sconosciuti presso tutti i target intervistati: il 94% del campione dichiara di non averne mai sentito parlare anche se l’espressione sostenibilita’ viene ricondotta correttamente all’area ambiente ed ecologia. Alla spiegazione dei due termini, invece, i consumatori reagiscono attribuendo interesse a questa caratteristica nelle scelte d’acquisto (83% degli intervistati, sommando la voce molto+ abbastanza importante). Tale dato rivela, per le imprese del settore, ampi spazi di manovra per attivare degli interventi di comunicazione e di education in grado di influenzare le decisioni di acquisto del consumatore sul tema della eco sostenibilita’.

Per quanto riguarda le imprese interpellate nel corso dell’indagine, queste tendono a sottolineare il valore per la food industry della certificazione della qualita’ e della sicurezza dei prodotti: il 71% del campione la ritiene importante e ben l’88% ritiene che le certificazioni di Sicurezza e Qualita’ emesse da terze parti indipendenti siano in ogni caso da comunicare non solo alla Gdo, ma anche al consumatore finale. Nelle risposte delle imprese trova conferma il trend a favore dei prodotti verdi e sostenibili emerso dalle risposte dei consumatori: a giudizio delle imprese, il grado di considerazione dei temi ambientali ed etico sociali tendera’ a crescere nei prossimi anni (82% del campione). Attualmente, invece, le imprese ritengono che i consumatori finali dei prodotti agroalimentari attribuiscano una discreta importanza sia agli aspetti di impatto Ambientale che Etico – Sociale ma in misura inferiore a quanto affermato dai consumatori stessi. Secondo le imprese, infatti, le decisioni d’acquisto del Consumatore tendono a essere guidate in misura maggiore da valutazioni inerenti la Qualita’ e Sicurezza.

Nonostante le aziende stesse appaiano ancora complessivamente poco educate ad educare il consumatore verso i temi ambientali ed etico sociali, ben la meta’ di quelle intervistate dichiara di usare i temi ambientali come leva di marketing mentre il 41% ha in programma iniziative concrete per ridurre l’impatto ambientale lungo tutta la filiera produttiva (tra cui l’utilizzo di energia solare e di materiale riciclabili e l’installazione di impianti fotovoltaici). A livello internazionale, nei nostri numerosi contatti con le imprese del settore food, riscontriamo una sempre maggiore richiesta di servizi e di certificazioni di terza parte indipendente nelle aree ambiente e sostenibilita’, che vanno ad aggiungersi alle consolidate certificazioni sulla sicurezza dei prodotti alimentari. Abbiamo percio’ voluto verificare e misurare questo trend anche in Italia, attraverso la realizzazione di due indagini di mercato, sia sui consumatori che sulle aziende del settore, per avere un quadro preciso dell’orientamento dei consumi, della domanda e dell’offerta, ha dichiarato Vittore Marangon, amministratore delegato di DNV Italia. I consumatori oltre alla qualita’ e sicurezza degli alimenti iniziano anche a considerare i temi della salvaguardia dell’ambiente, dell’etica sociale e piu’ in generale della sostenibilita’. I risultati di queste ricerche ne confermano l’importanza crescente nel loro sistema dei valori e nelle loro scelte d’acquisto. Anche le imprese di conseguenza sono sintonizzate su questo trend nell’evoluzione delle strategie e dell’offerta, ha affermato Davide Busani, food manager di Dnv Italia.

Shares