Questo sito contribuisce all'audience di

Il riscaldamento globale esiste davvero

di Posted on
Condivisioni

Gli scettici dovranno ricredersi. Chi ancora afferma che la minaccia del riscaldamento globale sia una bufala mediatica o la paranoia di studiosi allarmisti sta per essere smentito dalla più grande ricerca indipendente sul tema mai stata fatta.

Il Berkeley Earth Project – che ha visto lavorare fianco a fianco ricercatori, fisici, climatologi e statistici – ha analizzato, infatti, ben 1,6 miliardi di temperature misurate da 15 diverse fonti nel mondo a partire dal 1800 fino a oggi.

E dal meticoloso studio – che verrà pubblicato sulla rivista scientifica Geophysical Research Letters – è emerso chiaramente come dal 1950 al 2011 la temperatura media globale sia aumentata di 1 grado, proprio come affermato da diverse fonti considerate dai negazionisti “pro cambiamenti”, come la Nasa,  o il Noaa National Oceanic and Atmospheric Administration.

«Spero che questo convinca gli scettici – spiega al Guardian Richard Muller, capo del progetto – non tanto quelli che negano le cose senza guardare agli studi scientifici, quanto quelli che in passato hanno avanzato dubbi legittimi: li abbiamo tutti presi in considerazione e studiati in maniera trasparente».

E dall’analisi è emersa un altro elemento interessante: le città sono effettivamente delle “isole di calore”, dove la temperatura cresce di più. Per il momento, però, questo non influenza la media globale perché l’estensione dei centri urbani è ancora meno dell’1% della superficie planetaria.

Dati importanti alla vigilia della 17/a Conferenza mondiale Onu sul clima (Cop17) che quest’anno si terrà a Durban, in Sudafrica, dal 28 novembre al 9 dicembre e che Virgilio Go Green seguirà direttamente in loco con pezzi di approfondimenti e continui aggiornamenti twitter.

Virgilio Go Green