Il Motor Show? Va a batteria | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Il Motor Show? Va a batteria

di Posted on
Condivisioni

La mobilita’ elettrica sara’ tra i protagonisti della prossima edizione del Motor Show di Bologna (4-12 dicembre). Uno stand intero, infatti, sara’ dedicato alle vetture a zero emissioni, con un’ampia sezione espositiva riservata ai veicoli e ai servizi correlati, e con un percorso di prova dove il pubblico potra’ guidare di persona un’ampia gamma di mezzi elettrici. Non una pistina qualunque ma un vero percorso indoor allestito in un’ambientazione urbana. Per le vetture ibride, con trazione elettriche e a benzina, sara’ inoltre disponibile un percorso esterno per chi volesse provare ad accendere anche il motore.

CONVEGNI – E’ una novita’ importante per la rassegna bolognese che intende offrire un grande palcoscenico alla mobilita’ sostenibile e alle problematiche connesse. Electric City, questo il nome della sezione dedicata, oltre a presentare le novita’ del mercato, sempre piu’ numerose, sara’ anche l’occasione per approfondire i temi piu’ dibattuti.. Non mancheranno infatti convegni e work shop a cui parteciperanno le Case automobilistiche, le aziende del settore e le istituzioni. Sara’ quindi l’occasione giusta per fare il punto sulla rete di ricarica, sulle colonnine, sulle stazioni di sostituzione delle batterie, sulle assicurazioni. Tutte problematiche da cui dipendono lo sviluppo e la diffusione della mobilita’ elettrica nel prossimo futuro.

SONDAGGIO – L’interesse del pubblico, infatti, e’ in crescita, ma le vendite del settore ancora procedono a rilento. Un’indagine realizzata da Interactive Market Research ha messo in luce gli aspetti piu’ significativi della mobilita’ elettrica secondo il giudizio degli italiani: per il 66% degli intervistati l’aspetto piu’ importante e’ la pulizia, seguita dalla silenziosita’ (51%)e dall’innovazione (47%). Il 49% del campione ha inoltre indicato i parcheggi cittadini come il luogo piu’ indicato per ricaricare una vettura elettrica; seguono i parcheggi dei supermercati (30%) e quelli dei posti di lavoro (20%).