Google crea l'auto che si guida da sola | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Google crea l’auto che si guida da sola

di Posted on

La potremo vedere sulle strade, se tutto va bene nel giro di 8 anni. Almeno negli Usa. Prima della commercializzazione vanno infatti superati una serie di problemi di tipo tecnico, ma anche legale-assicurativo. Google infatti si appresta a fare concorrenza anche ai colossi dell’auto con una vettura robot che si guida da sola. Come riferisce il New York Times chiunque in California abbia percorso la Highway n.1 tra San Francisco e Los Angeles avra’ notato una Toyota Prius, dotata di una doppia telecamera sul tetto ma con nessuno alla guida. Dentro si intravede un unico essere umano che si limita al ruolo di passeggero. La Google-car e’ dotata di sensori e di un’intelligenza artificiale in grado di controllare la vettura e replicare le scelte che compirebbe un essere umano per districarsi nel traffico.

VETTURE DI PROVA – Finora sono state realizzate 7 vetture di prova che hanno percorso 1.600 km in totale autonomia e ben 224.000 con l’occasionale intervento dell’ormai obsoleto carico-umano. L’unico incidente e’ avvenuto quando una Google-car e’ stata tamponata da un vettura guidata da un autista in carne ed ossa cui era sfuggito che la vettura si era regolarmente fermata ad un semaforo rosso. Gli ingegneri di Mountain View sottolineano che si tratta ancora di prototipi ma le auto-robot sono avvantaggiate dal fatto che reagiscono piu’ rapidamente degli esseri umani, hanno una vista a 360 gradi, non si distraggono mai, non hanno colpi di sonno, ne’ assumono droghe od alcol. Tra i tanti atout, oltre alle vite salvate, anche quello di dimezzare il traffico riuscendo a raddoppiare la presenza delle auto sullo stesso percorso. Grazie ai sistemi automatici si potra’ infatti ridurre la distanza tra un’auto e l’altra. Si risparmiera’ anche carburante e quindi si ridurra’ l’inquinamento perche’ vista la ridotta tendenza a causare incidenti le robot-auto potranno essere piu’ leggere.

Shares