Questo sito contribuisce all'audience di

Gioco-concorso: bimbi a caccia dei piccoli sprechi

di Posted on
Condivisioni

La casa paragonata a un essere vivente, a cui badare e da mantenere, con tutti i suoi consumi: acqua, gas, energia, scarichi e spazzatura. Per coinvolgere anche i più piccoli, nella quotidiana lotta agli sprechi, è nato il gioco-concorso At Home – La casa sostenibile 3.0, all’insegna del consumo critico, con l’obiettivo di inquinare di meno il Pianeta Terra. In realtà non si tratta soltanto di un gioco per i bimbi, al quale peraltro si sono già iscritte 350 scuole: piuttosto è considerato come un vero e proprio percorso per capire l’impatto ambientale della propria quotidianità e, se possibile, ridurlo. E’ rivolto ai giovani studenti delle classi di scuola media: i migliori a breve saranno premiati, ma una volta chiusa la gara si punta al mantenimento delle buone pratiche e delle abitudini di risparmio.

Come si gioca? Basta poco per capire quanto siete spreconi: girate per la casa con matita e taccuino. Quanti caricabatterie del cellulare o di altri dispositivi sono ancora attaccati alle prese senza caricare nulla? Avete lasciato la luce accesa in bagno o in un’altra stanza? Se non state accendendo la tv, perché il led è ancora in funzione? L’avete lasciato acceso tutto il giorno? L’acqua con cui stavate lavando frutta e verdura la butterete subito dopo o avete intenzione di utilizzarla per innaffiare le piante? Sono tanti i piccoli gesti, le piccole accortezze con le quali possiamo dimostrare di avere un occhio per migliorare la tutela ambientale. Per farlo con impegno si sono messe insieme Legambiente, Giunti Progetti Educativi ed Ikea: il concorso è nato come riservato agli studenti delle scuole medie ma si sta sviluppando in modo molto più ampio, ovvero a tutti gli amanti delle "tre erre": riciclo, risparmio e riuso.

Largo alla fantasia, con le idee di riciclo creativo e prodotti fai-da-te. Il contest mira infatti a rendere tutti più consapevoli sugli inutili sprechi di casa nostra, facilmente evitabili. Ogni stanza ha le sue caratteristiche e in ognuna si possono nascondere sprechi, da scovare ed eliminare: tramite questa nuova iniziativa, oltre ad essere più semplice ed accattivante, il web diventerà vero veicolo formativo, e tramite i più piccoli sarà possibile coinvolgere interi nuclei familiari in una più completa riflessione sui temi del rispetto dell’ambiente e dello sviluppo di uno stile di vita eco-friendly.