Questo sito contribuisce all'audience di

Focus a emissioni zero. E Ford diventa elettrica

di Posted on
Condivisioni

Presentata in anteprima al Consumer Electric Show di Las Vegas la Ford Focus elettrica è una delle novità in mostra al salone di Detroit. Novità attesa perché segna il debutto tra i veicoli “fuel free” (senza carburante)della casa americana che in questo campo è intenzionata a proporre altri 4 modelli entro il 2013.

La Focus verrà lanciata sul mercato nord americano nell’ultima parte del 2011 ed è prevista anche la commercializzazione in Europa. Sarà una specie di fiore all’occhiello per la Ford che ha deciso di puntare sulla semplicità d’utilizzo dell’auto elettrica e su una tecnologia d’avanguardia. Le batterie agli ioni di litio, per cominciare, sono state messe a punto dalla casa americana insieme alla LG Chem e disporranno di un raffreddamento a liquido per mantenere costante la temperatura di carica.

Basteranno 3 o 4 ore per una ricarica completa, collegandosi alla rete elettrica domestica con il sistema “plug and play”: un tempo pari alla metà di quello necessario a ricaricare la Nissan Leaf, secondo quando dichiarato dalla Ford che ha preso la vettura giapponese come termine di confronto.
La Focus elettrica disporrà di un software capace di calcolare il consumo in base al percorso impostato sul sistema di navigazione, tenendo conto dell’eventuale assorbimento provocato dagli accessori come il climatizzatore o l’impianto stereo.

Dovrà essere, nelle intenzioni dei suoi progettisti, una macchina estremamente facile da gestire. Persino col proprio smartphone che con un’apposita applicazione consentirà di monitorare a distanza lo stato delle batterie, il livello di carica e altri parametri dell’auto. Ford non fornisce dati sulla percorrenza ma assicura un “consumo” migliore di quello, in miglia per gallone, della Chevrolet Volt, comunque sufficiente a coprire la media delle distanze giornaliere degli americani.
Per il resto la base è quella della Focus con motorizzazione benzina e gasolio, da cui differisce esteticamente per la calandra frontale al posto delle due bocche centrali e le due laterali, e per i gruppi ottici.