"Fate pipì sulle balle di fieno". Si risparmia acqua, e si concima | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

“Fate pipì sulle balle di fieno”. Si risparmia acqua, e si concima

di Posted on
Condivisioni

L’esperimento di una riserva naturale inglese: tutti i giardinieri di sesso maschile utilizzano le “pee bale” al posto dei bagni. Per accelerare il processo di compostaggio ed evitare di sprecare acqua. “L’alternativa per chi non ha un giardino? Sotto la doccia”

SALVARE il pianeta cominciando dalle abitudini piu’ semplici, come quella di fare pipi’. Nel Regno Unito fa discutere l’ultima proposta dell’organizzazione ambientalista National Trust su risparmio idrico e compostaggio, ovvero il riciclo di rifiuti organici trasformati in fertilizzante. Niente di tecnologico o sperimentale, ma semplice natura al posto dei bagni. Almeno per quanto riguarda il parco di Wimpole Halle, nel Cambridgeshire. Qui, ormai da otto settimane, i giardinieri di sesso maschile utilizzano, al posto del bagno pubblico, la “pee bale”, una balla di fieno della lunghezza di tre metri.

Le ragioni sono nobili e coinvolgono la tutela ambientale sotto due punti di vista diversi. Da un lato la pipi’, ricca di azoto e potassio, e’ un ottimo acceleratore del processo di compostaggio; dall’altro, non usare i bagni permette di non sprecare l’acqua del wc. D’altronde gia’ da tempo l’ong brasiliana Sos Mata Atlantica ha diffuso quanta acqua si risparmierebbe se si facesse pipi’ nella doccia almeno una volta al giorno invece che nel water: circa 5mila litri di acqua all’anno. Insomma, la richiesta e’ semplice: se siete lavoratori agricoli, o state visitando un parco pubblico, o siete in vacanza in campagna, o avete un giardino, perche’ non fare pipi’ all’aperto? Potreste fare bene alla natura due volte.

“Abbiamo chiesto ai nostri dipendenti uomini di usare la balla di fieno quando la natura chiamava, il tutto al servizio del sistema ecologico di compostaggio di Wimpole – racconta Philip Whaites, capo giardiniere della riserva – la balla e’ un acceleratore da aggiungere al resto del compost, e con oltre 400 acri di terreno sui quali utilizzare il fertilizzante, qui ne abbiamo un grande bisogno”. Dal National Trust informano che le “pee bale” sono destinate ai soli dipendenti e che ai visitatori sono riservati normali wc. I risultati dell’esperimento si vedranno tra circa un anno: negli oltre mille viaggi verso il “richiamo della natura” fatti dai dieci uomini della tenuta, il volume di compost sara’ raddoppiato e l’acqua risparmiata sara’ pari al 30%.

Ma ognuno di noi puo’ dare il suo contribuito alla causa: se siete cosi’ fortunati da avere un giardino potete imparare a fare pipi’ all’aperto anche voi. “Si puo’ fertilizzare nello stesso modo anche un giardino privato facendo pipi’ sul proprio cumulo di compostaggio – spiega l’esperta Rosemary Hooper, uno dei giardinieri della riserva – cosi’ si attiva il processo di produzione di un ottimo materiale organico. completamente sano. E anche divertente”. Se invece non disponete di uno spazio all’aperto, ricordatevi almeno di fare pipi’ sotto la doccia. facile e lo possono fare anche le donne.

E questo e’ un altro capitolo. Perche’ la proposta del National Trust ha indispettito alcune commentatrici d’oltremanica: le donne, cosi’, si sentirebbero escluse da un processo naturale. Ma a ben vedere, cio’ avviene solo perche’ la pipi’ femminile, meno acida di quella maschile, non fornisce al compostaggio la stessa quantita’ di sostanze benefiche. Le “pee bale” hanno pero’ aperto un inatteso dibattito in patria anche tra chi si occupa di ambiente: “Ma come – si chiede ad esempio Leo Hickman del Guardian – tra seri giardinieri non era gia’ un’abitudine consolidata quella di fare pipi’ all’aperto?”. E poi aggiunge: “Perche’ non consigliare allora anche l’utilizzo di compost toilet?”.

Sono in molti a voler dire la loro. Il quotidiano The Telegraph ha aperto un forum sul proprio sito dal titolo “I giardinieri dovrebbero fare la pipi’ all’aperto? Pensate che sia una maniera civile di salvare il pianeta?”. Tra chi difende la pratica, e chi ironizza pensando a una societa’ di individui che fanno pipi’ in giardino, sono in molti ad ammettere di aver fatto almeno una volta pipi’ nella doccia. Tra questi, anche l’attrice americana Cameron Diaz e i tanti iscritti ai vari gruppi Facebook che sostengono la causa. Ora si tratta solo di varcare la soglia di casa e di concimare il proprio cumulo di compost. Per chi ne ha uno.