"Ecoristorazione Trentino", un marchio per i ristoratori che rispettano l'ambiente | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

“Ecoristorazione Trentino”, un marchio per i ristoratori che rispettano l’ambiente

di Posted on
Condivisioni

Il ristorante "Da Pino" di San Michele all’Adige e l’Agritur Martinelli di Centa San Nicolò l’hanno già ottenuto, al termine di un periodo di sperimentazione, e giovedì 16 febbraio si sono visti consegnare il materiale necessario per essere, concretamente, operativi. Ma ora con la sottoscrizione avvenuta dell’accordo di "Ecoristorazione Trentino", siglato tra la Provincia autonoma di Trento, il Comune di Trento e le maggiori associazioni di categoria del comparto ristorativo trentino – accordo che prevede il rilascio di un marchio ai ristoratori trentini che dimostrano di attuare azioni per la salvaguardia dell’ambiente – tutti gli interessati possono richiederlo.
"Un passo importante – ha commentato il vicepresidente ed assessore provinciale ai lavori pubblici, ambiente e trasporti, Alberto Pacher – all’interno delle iniziative messe in campo per arrivare alla riduzione dei rifiuti da un lato e dall’altra per introdurre una logica di sostenibilità in tutti i settori della vita economica del Trentino. Così come è successo con la campagna "Ecoacquisti" che ha registrato 142 adesioni di punti vendita, dopo un lungo e costruttivo confronto con le associazioni di categoria, si firma un accordo importante. Significa che i ristoranti con il certificato – rilasciato al termine di un iter che prevede la soddisfazione di precisi requisiti – sono quelli che adottano i prodotti del territorio, a filiera corta. Non solo: sono luoghi nei quali si pratica la riduzione dei rifiuti e si utilizzano le vaschette per portare a casa il cibo non consumato durante il pranzo o la cena".
E’ dopo sei mesi di concertazione e sperimentazione, che il tavolo di lavoro del progetto "Ecoristorazione Trentino" – partecipato dalla Provincia, dal Comune di Trento e dalle principali associazioni di categoria del comparto ristorativo trentino (ASAT – Associazione Albergatori ed Imprese Turistiche della Provincia di Trento, Associazione Agriturismo Trentino, Associazione Ristoratori del Trentino, Confesercenti del Trentino – Federazione Italiana Esercenti Pubblici e Turistici, UNAT – Unione Albergatori del Trentino) – ha approvato l’Accordo di programma sottoscritto. Accordo che impegna tutti alla diffusione di un marchio di sostenibilità ambientale assegnato ai ristoratori che rispettino un disciplinare costituito da 26 azioni ambientali. La Provincia autonoma di Trento, che ha approvato l’Accordo lo scorso 20 gennaio, lo ha poi presentato in anteprima al RivaExpoHotel, nell’ambito di un incontro informativo sul tema dell’eco-ristorazione organizzato dall’Agenzia provinciale per la protezione dell’ambiente. Il 16 febbraio è stato finalmente firmato l’accordo. (www.acquistiverdi.it)