Questo sito contribuisce all'audience di

Dieci regole per un Natale green

di Posted on
Condivisioni

Il Natale rischia di essere uno dei momenti più ad elevato rischio dal punto di vista ambientale. In pochissimi giorni si concentra una produzione di rifiuti molto alta, associata magari ad una minore attenzione su dove buttare cosa e quando. Perciò molti Comuni italiani si stanno preoccupando di sensibilizzare i cittadini ricordando loro le principali regole da seguire per evitare di restare travolti da cumuli di immondizia indifferenziata.

Succede così che a Roma, l’Ama, l’azienda che si occupa della gestione dei rifiuti nella Capitale, diffonda un decalogo per un "Natale eco-compatibile". Dieci regole per ogni tipo di rifiuto "natalizio": dove e quando buttarlo. Tante indicazioni specifiche valide per i cittadini romani, ma utili e molto per far pensare a cosa e come si butta anche tutti gli altri. Basta un po’ di attenzione. 

Così:
1. carta da pacchi nel cassonetto bianco
2. nastri e carta plastificata nel 
cassonetto verde/grigio (materiali non riciclabili)
3. bottiglia di spumante, vuotata e sciacquata, nel cassonetto blu
4. tappo in sughero nel cassonetto verde/grigio
5. bottiglia di plastica, schiacciata, nel cassonetto blu
6. lattine delle bibite, schiacciate, nel cassonetto blu
7. scarti alimentari (avanzi di cibo, frutta e verdura): a seconda del quartiere, nelle piazzole mobili, nei bidoncini domestici, nei cassonetti verdi/grigi
8. piatti, bicchieri, posate di plastica nei cassonetti verdi (non sono riciclabili)
9. abeti di Natale naturali da consegnare nei Centri di raccolta Ama e 128 punti mobili di raccolta ingombranti per essere ripiantati o trasformati in compost
10. abeti di Natale artificiali, televisori, computer, cellulari, (rifiuti elettrici e elettronici), librerie, scaffali, sedie, divani, quadri, (cosiddetti rifiuti ingombranti) negli 11 Centri fissi di raccolta aziendali o nelle 186 postazioni mobili di raccolta o, a pagamento, con il servizio Riciclacasa (tel 06.06.06).