Cultura, una tassa sui cellulari per finanziare cinema e teatro | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Cultura, una tassa sui cellulari per finanziare cinema e teatro

Hollande pensa a un nuovo balzello su smartphone e tablet per raccogliere risorse da destinare a investimenti in cultura. E da noi in Italia?

di Posted on
Condivisioni

Cultura: una nuova tassa per finanziarla. La proposta è del premier francese Francois Hollande, che intende introdurre un nuovo balzello su cellulari, smartphone e tablet per raccogliere risorse da destinare a investimenti sui beni culturali.

PUO’ INTERESSARTI: Festa del Cinema, dal 9 al 16 maggio ingressi ridotti in tutta Italia

L’idea del governo francese è quella di utilizzare l’universo del web per finanziare le attività nazionali di cinema, musica, letteratura e teatro, in un momento nel quale scarseggiano i fondi pubblici perfino per la manutenzione dei musei francesi. Inoltre il governo punta a ricavare altri soldi da multe molto salate per chi scarica da Internet illegalmente libri, film e musica: si partirà da un minimo di 140 euro.

LEGGI ANCHE: No agli sprechi di luce: a Parigi negozi spenti nella notte

Vedremo se Hollande andrà fino in fondo in questa iniziativa, ma certo la Francia è da sempre molto attenta alla valorizzazione del suo patrimonio culturale. E in Italia? Per il momento possiamo contare solo su una promessa del premier Enrico Letta: il suo governo non farà nuovi tagli alla Cultura. Ma non basterà.

BUONE IDEE: Hai un cellulare vecchio di cui ti vuoi sbarazzare? Donalo per fare cucine solari in Africa. Scopri come qui.