Crescita record per l’anidride carbonica

Mai le attività umane avevano emesso in un anno nell’atmosfera una quantità simile di anidride carbonica. Il 2010 ha battuto ogni record, secondo i dati premilinari del Centro di informazione e analisi del diossido di carbonio (Cdiac) del dipartimento dell’Energia statunitense: sono stati immessi nell’atmosfera 33,5 miliardi di tonnellate di CO2, con un aumento del …

Crescita record per l’anidride carbonica Leggi tutto »

Mai le attività umane avevano emesso in un anno nell’atmosfera una quantità simile di anidride carbonica. Il 2010 ha battuto ogni record, secondo i dati premilinari del Centro di informazione e analisi del diossido di carbonio (Cdiac) del dipartimento dell’Energia statunitense: sono stati immessi nell’atmosfera 33,5 miliardi di tonnellate di CO2, con un aumento del 5,9% rispetto al 2009 e del 4,5% rispetto al record del 2008. Il livello complessivo raggiunto lo scorso anno, sottolineano gli esperti, è più alto di quello usato dall’Ipcc, l’organismo Onu sui cambiamenti climatici, per descrivere lo scenario peggiore dal punto di vista dei cambiamenti climatici.

IMPUTATI – I principali imputati sono sempre gli stessi due: Stati Uniti e Cina, che da soli sono responsabili per la metà dell’anidride carbonca emessa sul pianeta. Per quanto riguarda gli Usa, le emissioni sono cresciute del 4% ma, grazie alla crisi economica, sono rimaste in termini assoluti sotto il record registrato nel 2007. La singola fonte energetica che ha fornito il maggiore contributo è il carbone, che ha fatto registrara una crescita delle emissioni dell’8%.

OAS_AD(‘Bottom1’);

LIMITE – La concentrazione di anidride carbonica misurata nel 2010 nell’atmosfera è di circa 390 ppm (parti per milione), con una crescita di circa 2,2 ppm all’anno. Stime attendibili della concentrazione nel 1850 fanno ritenere che la concentrazione si aggirasse intorno a 290 ppm. Alla conferenza sul clima di Cancun 2010 si era raggiunto un accordo – non vincolante – per limitare a 2 gradi il riscaldamento globale e per raggiungere questo obiettivo diminuire le emissioni di CO2 per non superare i 450 ppm, ma solo l’Unione europea ha approvato direttive stringenti sull’argomento.

Torna in alto