Questo sito contribuisce all'audience di

Condivisione nei quartieri: nasce un nuovo modo di vivere grazie all’associazione “Quartieri Tranquilli”

Condivisioni

Pubblichiamo con piacere questa lettera mandateci da Lina Sotis, con i migliori auguri per la sua associazione! 

Chi di voi non sogna di vivere in un borgo, un sestriere, un quartiere tranquillo, dove quando esce di casa tutti gli sorridono, lo salutano, lo chiamano per nome, lo aiutano o si fanno aiutare sicuri che questo avvenga? Chi di voi non vorrebbe avere lo straordinario privilegio di un medico di quartiere pronto ad accorrere se ne avete bisogno? Chi di voi non vorrebbe che i figli adolescenti avessero un luogo sicuro dove andare, e i bambini, dopo la scuola elementare, qualcuno che li riunisse e li facesse giocare? Pensate che bello invecchiare in un quartiere così, un quartiere dove non si ha paura perché tutti i vecchi come voi si conoscono fra loro e sanno di poter contare l’uno sull’altro. Credete di sognare? No. Ci stiamo lavorando. Nasce “Quartieri Tranquilli”, un’associazione che coordinerà le realtà di volontariato esistenti nei diversi quartieri milanesi e ne creerà di nuove dove mancano, individuando le esigenze più urgenti, sviluppando attività di fund raising e mettendo in contatto chi ha bisogno con chi può concretamente aiutare. Vi racconto una sola cosa: la mia giornata inizia ormai da circa quindici giorni così. Scendo al bar, saluto Roberto, il barista, saluto Suri, l’altro barista, ci sorridiamo e senza che io dica niente mi arriva un cappuccino pieno pieno di schiuma, con sopra scritto Ciao Lina. Questa è la mia vita nel mio quartiere tranquillo. Domenica mattina alle 10.30, al teatro Franco Parenti, ci ritroveremo con gli assessori, presidenti di zona e gli abitanti della Barona, del Gratosoglio, dell’Isola e di Brera e di tutti i quartieri che vogliono cominciare per festeggiare la nascita di un nuovo modo di vivere. Venite! 

Lina Sotis