Chiude la Galleria Beyeler: quadri all'asta per salvare il museo | Non Sprecare
Questo sito contribuisce all'audience di

Chiude la Galleria Beyeler: quadri all’asta per salvare il museo

di Posted on
Condivisioni

Chiude i battenti, a Basilea, la leggendaria Galerie Beyeler, fondata nel 1947 dal collezionista Ernst Beyeler, scomparso l’anno scorso all’età di 88 anni: tutte le opere saranno messe all’asta. Beyeler e la moglie Hildy, deceduta nel 2008, avevano così disposto nel loro testamento, come ha comunicato venerdì sera la stessa galleria. I dipinti andranno all’incanto da Christie’s a Londra il 21 e il 22 giugno; il ricavato andrà alla Fondazione Beyeler, che gestisce la casa-museo dei due fondatori. In questo modo verrà creato «un capitale di base che contribuirà fortemente a coprire il deficit di gestione e a garantire a lungo termine l’esistenza della Fondazione», si legge nella nota.

OAS_AD(‘Bottom1′);

// ** variabili da modificare **//

var file_swf = “Obbligazioni180x150LiraTurcaRCS.swf”;

// ** versione flash standard. Modificare se necessario ** //

var flash_version = “9”;
var clickTAG = “?clickTAG=”;

//

if (TFSMFlash_VERSION){
var MM_contentVersion = TFSMFlash_VERSION;
var plugin = (navigator.mimeTypes && navigator.mimeTypes[“application/x-shockwave-flash”]) ? navigator.mimeTypes[“application/x-shockwave-flash”].enabledPlugin : 0;
if ( plugin ) {
var words = navigator.plugins[“Shockwave Flash”].description.split(” “);
for (var i = 0; i = parseFloat(MM_contentVersion);
}catch(e){
MM_FlashCanPlay = false;
}
}
else if (navigator.userAgent && navigator.userAgent.indexOf(“MSIE”)>=0 && (navigator.appVersion.indexOf(“Win”) != -1)) {
try{
var flashActiveX = new ActiveXObject(“ShockwaveFlash.ShockwaveFlash.” + MM_contentVersion);
}catch(e){
//axo.AllowScriptAccess = “always”; // throws if player version < 6.0.47
}
var MM_FlashCanPlay = (flashActiveX != null)? true : false;

if(TFSMFlash_FSCOMMAND) {
document.write(' n’);
document.write(“function “+TFSMFlash_OASADID+”_DoFSCommand(){ window.open(‘”+TFSMFlash_OASCLICK+”‘); }n”);
document.write(‘ n’);
document.write(‘ n’);
document.write(‘on error resume next n’);
document.write(‘Sub ‘+TFSMFlash_OASADID+’_FSCommand(ByVal command, ByVal args)n’);
document.write(‘ call ‘+TFSMFlash_OASADID+’_DoFSCommand(command, args)n’);
document.write(‘end subn’);
document.write(‘ n’);
}
}
}
if (typeof(TFSMFlash_PRETAG)==”undefined”) TFSMFlash_PRETAG=””;
if (typeof(TFSMFlash_POSTTAG)==”undefined”) TFSMFlash_POSTTAG=””;

if ( MM_FlashCanPlay ){
document.write(TFSMFlash_PRETAG+”);
document.write(”);
document.write(”);
document.write(”);
document.write(”+TFSMFlash_POSTTAG);
} else if ( TFSMFlash_IMAGEALTERNATE ) {
if( typeof( TFSMFlash_IMAGEALTERNATECLICK ) == “undefined” ) {
document.write(TFSMFlash_PRETAG+’'+TFSMFlash_OASALTTEXT+'‘+ TFSMFlash_POSTTAG);
} else {
document.write(TFSMFlash_PRETAG+’'+TFSMFlash_OASALTTEXT+'‘+ TFSMFlash_POSTTAG);
}
}

IL MUSEO – Nel 1982 Ernst e Hildy Beyeler avevano trasferito circa 200 opere della loro collezione alla loro casa-museo costruita da Renzo Piano nel Comune di Riehen (Basilea). Il museo, accessibile al pubblico dal 1997, è amministrato dalla Fondazione Beyeler (www.fondationbeyeler.ch), presieduta dallo stesso Ernst fino al 2009. I capolavori raccolti nel museo spaziano dal tardo impressionismo al cubismo, all’espressionismo e all’arte moderna.